Home » Addio errori e polemiche, arriva l’arbitro ‘infallibile’: dal 2030 fischietto ai robot
Curiosità Sport

Addio errori e polemiche, arriva l’arbitro ‘infallibile’: dal 2030 fischietto ai robot

Addio errrori e polemiche, arriva l’arbitro robot

Addio errori abitrali e relative polemiche, arriva l’arbitro robot. Secondo il futurologo e imprenditore inglese Ian Pearson, non è affatto escluso il “cambio”, anzi è assai probabile e per qualcuno addirittura auspicabile, che fra dal 2030 possano scendere in campo degli arbitri ed assistenti robot. E bandierine propaggini meccaniche di braccia snodate e appena oliate.

Tutte figure da considerare come una specie di evoluzione estrema del Var, uno sviluppo terminale dal quale, secondo quanto riferisce ‘La Repubblica’, non si potrà più tornare indietro ma solo procedere in avanti, sino a ipotizzare match disputati da umanoidi senza macchia. I fatti dimostrano che non stiamo vivendo un incubo nell’immaginare il calcio cybernetico, né possiamo essere accusati di navigare clandestinamente fra le pagine di Philip Dick.

Nel “futurizon” di Pearson le partite “Robot vs Robot” diventerebbero la normalità della serie A, la quale acquisterebbe in serietà (ossia una “t” fra serie e A) ma, si suppone, non molto in emotività (però non è detto). Nemmeno Dick si sarebbe spinto a tanto, a profanare con le sue fantasie e le sue proiezioni lo sport più amato del mondo. Oltre gli arbitri, i primi a interrogarsi sul proprio futuro potrebbero essere i massaggiatori. “Che cavolo mi massaggio adesso?”. O magari i chirurghi: “Non ci sono più crociati anteriori da ricostruire? E io che faccio?”. Le conquiste già ottenuto (negli altri mondi) parlano chiaro, con buona pace di massaggiatori, arbitri e chirurghi. Esistono robot che cantano l'”Inno alla gioia” di Beethoven. Ci sono robot dotati di umana insofferenza che scappano non una ma due volte dai laboratori di provenienza situati a Prem, Russia (il fuggiasco ha anche un nome: Promobt IR77).

A giugno di due anni fa il robot Amelia, di bell’aspetto, ha aperto i lavori del consiglio comunale di Enfield, nel nord di Londra. C’è un robot, Pepper, costato 25 mila euro, che parla 19 lingue e porta a spasso i visitatori e guida i parenti degli ammalati nei lunghi corridoi dell’ospedale AZ Damiaan di Ostenda, in Belgio. Ci sono ovviamente tanti robot poliziotto sparsi per il mondo, alcuni fanno le multe e quando cerchi di spiegare le tue ragioni quello ringrazia e se ne va, come la “Caterina” di Sordi. Mentre Auross, messo a punto a Singapore, è specializzato nel fare inventari di librerie, biblioteche, archivi. Un robot cinese costruito all’Università di Chengdu sa giocare a badminton così bene che il giorno in cui venne testato dal primo ministro Li Keqiang non sfigurò: la partita si concluse con un pareggio, forse lusinghiero per entrambi. Alla 10ª edizione della “RoboCup”, si sono sfidate ben 500 squadre di calcio composte da soli umanoidi. Il progetto (o forse potrebbe dire il sogno di chi, come Dick, “sogna pecore elettriche” come gli androidi che assembla) sarebbe quello di arrivare a metà del secolo con la sfida del secolo: la vincitrice di una Coppa del Mondo fra gli umani e la vincitrice della RoboCup. Magari a Wembley.

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com