Economia Italia News

Inps, Boeri: “Servono i migranti per pagare le pensioni. C’è disinformazione sui numeri”

Il presidente Inps, Tito Boeri, ha parlato nel corso della Relazione annuale:

La storia ”ci insegna che quando si pongono forti restrizioni all’immigrazione regolare, aumenta l’immigrazione clandestina e viceversa: in genere, a fronte di una riduzione del 10% dell’immigrazione regolare, quella illegale aumenta dal 3 al 5%. In presenza di decreti flussi del tutto irrealistici”, sottolinea, la domanda di lavoro immigrato “si riversa sull’immigrazione irregolare di chi arriva in aereo o in macchina, non coi barconi ma coi visti turistici, e rimane in Italia a visto scaduto”.

“Gli italiani sottostimano la quota di popolazione sopra i 65 anni e sovrastimano quella di immigrati e di persone con meno di 14 anni(…). La deviazione fra percezione e realtà è molto più accentuata che altrove. Non sono solo pregiudizi. Si tratta di vera e propria disinformazione”.  “Il nostro Paese ha bisogno di aumentare l’immigrazione regolare”. Sono “tanti i lavori che gli italiani non vogliono più svolgere”. Nel lavoro manuale non qualificato ci sono il 36% dei lavoratori stranieri in Italia e l’8% degli italiani.

“Quota 100 pura costa fino a 20 miliardi all’anno, quota 100 con 64 anni minimi di età costa fino a 18 che si riducono a 16 alzando il requisito anagrafico a 65 anni, quota 100 con 64 anni minimi di età e il mantenimento della legislazione vigente per quanto riguarda i requisiti di anzianità contributiva indipendenti dall’età costa fino a 8 miliardi”, afferma Boeri.”Ripristinando le pensioni di anzianità con quota 100 (o 41 anni di contributi) si avrebbero subito circa 750.000 pensionati in più”.

“La storia recente dei giovani nel nostro Paese è una storia di inesorabili revisioni al ribasso delle loro aspettative. Fra queste delusioni anche quella di ritrovarsi sempre, quale che sia l’esito del voto, con governi che propongono interventi a favore dei pensionati”, dice Boeri.

Inps: 5,5 milioni di pensionati sotto i 1.000 euro – Nel 2017 i pensionati Inps sotto i mille euro al mese sono pari a 5 milioni e 548 mila, il 35,9% del totale (15 milioni e 477 mila). E’ quanto emerge dalle tabelle sul reddito pensionistico (lordo) del Rapporto annuale. Il dato risulta in calo rispetto a quello presente nel Rapporto precedente (37,5%). Per le donne la percentuale di chi riceve meno di 1.000 euro al mese si alza al 44,8% (3 milioni e 686 mila). Sono invece quasi 1 milione e 114 mila (il 7,2%) coloro che percepiscono più di 3 mila euro al mese.

Il reddito di inclusione (Rei) toccherebbe, a regime, 1 milione e 462 mila persone, pari a 525 mila famiglie. Lo stima l’Inps nel Rapporto annuale, sottolineando che la misura raggiungerebbe il 29% dei 5 milioni dei poveri assoluti. Le risorse “direttamente affluenti” ai beneficiari sono pari, si calcola, a circa 1,8 miliardi. Con altri 6,2 miliardi, prospetta, si riuscirebbe a coprire “sostanzialmente la totalità dei poveri assoluti”.

La stima dei lavoratori coinvolti nei lavori di gig economy sta in “un intervallo da 589.040 a 753.248”. Così il Rapporto Inps, che riprende l’indagine della Fondazione Debenedetti, con cui ha collaborato. I numeri sono un po’ diversi rispetto alla prima recente presentazione, “in quanto si è applicata una più profonda pulizia dei dati” e un sistema più articolato. L’Inps fa poi notare come nonostante “il dibattito pubblico sia incentrato sui rider” questi rappresentino “una parte limitata della gig economy, pari a poco più del 10%”.

I lavoratori dipendenti coinvolti in rapporti di lavoro a tempo determinato e di apprendistato tra il 2016 e il 2017 “sono aumentati significativamente, passando da 3,7 milioni a 4,6 milioni”, in crescita quindi di “quasi un milione” (+24%). Lo rileva l’Inps nel Rapporto annuale, registrando invece un calo per gli occupati a tempo indeterminato: da 14,1 milioni a 13,8 milioni. “Un innesco importante all’espansione dei rapporti a termine – spiega l’Istituto – è giunto dalla soppressione, a marzo 2017, della regolazione tramite voucher delle prestazioni di lavoro accessorio”. Nel complesso l’occupazione dipendente (non considerando il settore agricolo) risulta così in rialzo del 3,5% (da 17.774.866 a 18.391.228).

Fonte e foto: Ansa

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com