Economia

Castelli: pensioni minime a 780 euro da gennaio

Da gennaio pensioni minime a 780 euro:

Le pensioni minime saranno portate a 780 euro a partire da gennaio. Lo ha annunciato Laura Castelli, viceministro dell’Economia, in un’intervista a La Stampa. La grillina assicura che il reddito di cittadinanza “è la base attorno alla quale ruota l’intera manovra. Partiremo il primo gennaio con le pensioni di cittadinanza, portando le minime a 780 euro. Intanto ci occuperemo della riforma dei centri per l’impiego. Abbiamo calcolato che ci vogliono 3-4 mesi. Successivamente partirà il reddito di cittadinanza”.

Quale sarà la platea? “Quella prevista dal contratto. Tutti coloro che sono al di sotto della soglia di povertà. Costera’ 10 miliardi. Le risorse ci sono. Alcune sono quelle già esistenti nel bilancio dello Stato, altre saranno frutto delle razionalizzazioni delle misure di sostegno al reddito che oggi non funzionano. Infine ci sono le coperture che avevamo indicato nel programma”. Per disincentivare il nero, ha spiegato Castelli, “creeremo un’identità digitale del reddito di cittadinanza”.

Come riporta Agi, il viceministro ha poi smentito che Tria abbia minacciato le dimissioni per dissidi relativi alle coperture sul reddito di cittadinanza: “A me non risulta. Da settimane, assieme al viceministro della Lega Massimo Garavaglia, facciamo riunioni con lui. Nessuno critica l’altro. Ci sono discussioni tecniche, reciproche sollecitazioni. Tria è consapevole delle esigenze politiche, e convinto delle nostre ragioni, altrimenti non avrebbe accettato di far parte di un governo così particolare”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com