Spettacolo Televisione

Loretta Goggi: “Non uscivo più di casa, grazie a mia sorella ho ricominciato a vivere”

Loretta Goggi ha rilasciato un’intervista esclusiva al settimanale Oggi

Loretta Goggi, giudice a Tale e Quale Show, ha rilasciato un’intervista esclusiva al settimanale Oggi, in cui racconta la sua carriera ed i momenti più bui della sua vita privata.

La Goggi ricorda il marito Gianni Brezza, morto nel 2011 lasciando un vuoto incolmabile nella vita dell’attrice, “Non uscivo più di casa. Con la scusa che non se la sentiva di viaggiare da sola, Daniela mi ha convinto a volare con lei in Argentina per andare a trovare sua figlia Costanza, che si era trasferita lì per motivi di lavoro. Da quel viaggio, ho ricominciato a vivere”.

Parlando della sua lunga carriera, Loretta racconta, “Negli Anni 80 in Rai pensavano che una donna non potesse condurre uno show da sola. Così passai a Mediaset, dove questo pregiudizio non c’era. Anzi, chiamarono il programma con il mio nome, Hello Goggi. Poi tornai in Rai e mi presi la mia rivincita: sono stata la prima donna a condurre Sanremo, nel 1986”.

La Goggi nel 1981 a sorpresa partecipò come concorrente a Sanremo e si classificò seconda con Maledetta Primavera, “Per me cantare è la cosa più difficile perché mi costringe a vincere la timidezza. Quando imito o recito, interpreto un ruolo, quando canto sono io. Però avevamo questa canzone bellissima che doveva essere la sigla di Hello Goggi ma che per lungaggini organizzative era rimasta nel cassetto. Ma non pensavo minimamente di piazzarmi. Tanto che, la sera della finale, dopo l’esibizione volevo svignarmela a cena con Gianni, con cui avevo già una relazione ma ancora segreta. Ma Ravera, il direttore artistico, mi bloccò: “Cocca, dove vai? Devi rimanere qui”. E con mio grandissimo stupore mi classificai seconda”.

La Goggi commenta anche la situazione italiana attuale, “Mi preoccupa l’enorme debito che abbiamo, con i politici che dicono “facciamo questo, facciamo quello”, senza avere i soldi. È una follia. Io ho sempre votato, se siamo arrivati a questo punto la colpa è di chi non è andato a votare…per fare politica ci vuole esperienza, non ci si improvvisa. Siamo un popolo di rassegnati, io per prima, non mi metto sul piedistallo”, ciò che la indigna maggiormente è “La mancanza di accoglienza, di educazione, di rispetto. Vedo in giro indifferenza e ottusità”.

Loretta Goggi è ancora sulla cresta dell’onda, ma pensando ad una sua “erede” non ha dubbi, “rispondo che la mia erede è Paola Cortellesi, anche se lei ha scelto una strada elitaria. Io, diciamolo, sono più ecumenica”.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com