Televisione

Barbara D’Urso: “A Mara volevo bene, io penso al mio pubblico che mi regala un grande successo”

Barbara D’Urso intervistata dal Settimanale Oggi

Barbara D’Urso in un’intervista rilasciata al settimanale Oggi, in edicola questa settimana, racconta del successo della sua Domenica Live e del rapporto con Mara Venier. “A Mara volevo bene e Mara, ne sono certa, voleva bene a me. Ma c’è un aspetto umano che non rientra nella sfida professionale e che per questo fa male: mi hanno mandato delle foto, perché io non seguo i social, in cui Mara postava sulle sue storie di Instagram i commenti dei miei più grandi odiatori, certi leoni da tastiera che scrivono di me cose orribili, che insultano me, i miei fratelli e i miei figli. Ed è ormai noto che lei vada sul mio profilo e metta i like proprio a certi miei odiatori, l’hanno scritto diversi siti. Non capisco questi gesti. Io non ho nulla contro Mara, continuo a volerle bene e la sfida della domenica non è certo una sfida a livello personale. Che il mio competitor sia Pippo Baudo, Cristina Parodi o Mara, io faccio il mio programma e penso al mio pubblico che negli anni continua a restare fedele e a regalarci un grande successo”

Barbara D’Urso, inoltre, rivela di essere stata proprio lei a spingere la Venier ad accettare la conduzione di Domenica In, “Non potevo che spingerla a riprendersi ciò che le era stato tolto in maniera così offensiva, tale da farla soffrire in un modo che io non posso certo dimenticare. Le fu fatta un’ingiustizia terribile: io c’ero allora e lei lo sa”.

Poi continua, “È una gara, la nostra, è ovvio. Io parto da 15 metri dietro di lei. Mara non ha ostacoli, io sì: ogni quarto d’ora vado in pubblicità, lei per un’ora la pubblicità non la dà. Lei va in diretta subito dopo il Tg1, che le lascia una platea enorme di pubblico, io no: ho quei punti di share da risalire uno per uno. E nonostante questo porto la curva di Canale 5 dal 10 al 22 per cento, facendola diventare prima rete. Questa non è una cattiveria, badi bene, è sotto gli occhi di tutti. È la differenza fra la tv di Stato e la tv commerciale, a cui io comunque devo il mio successo. E io ci sto: onori e oneri. Ogni volta che comincio il mio programma so che mi aspetta una grande sfida. Ma resto fedele a me stessa e soprattutto al mio pubblico. Quelli che mi seguono sanno che sono lì per loro. Per raccontare loro un pezzo di noi”.

Barbara D’Urso è fiera delle sue interviste ai politici italiani, nel suo salotto domenicale ha fatto accomodare politici di qualsiasi schieramento, Se io fossi seduta sul divanuccio di casa mia, col caffeuccio, e sentissi parlare un politico, vorrei che mi spiegasse le cose con chiarezza e semplicità, esattamente in quel modo lì. Perché io sono un cittadino medio e non sono più intelligente o meno intelligente. Io mi metto nei panni di chi ci guarda e cerco di capirlo per prima io, perché se lo capisco io lo capiscono anche a casa. Se mi annoio io, si annoiano anche a casa”.

Barbara D’Urso da vera combattente è totalmente soddisfatta della sua presenza in tv,” Il mio è comunque e sempre un bilancio di grande felicità e successo: il 19-20 per cento di share con punte del 22. Tutti dati dimostrabili, curve alla mano. Vede, la tv è un ring e io ne ho combattute tante di sfide, anche se non sto facendo certamente un’operazione a cuore aperto”.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com