Home » Va con la escort mentre moglie e figlio aspettano in macchina: finisce malissimo per il cliente in trasferta
Italia News

Va con la escort mentre moglie e figlio aspettano in macchina: finisce malissimo per il cliente in trasferta

Va con la escort mentre moglie e figlio aspettano in macchina:

Parte da Verona per andare da una escort, una ventunenne triestina. Ma nom da solo, l’impavido cliente si era fatto accompagnare dalla moglie e il figlio con la macchina per recarsi a casa della escort. Ma mentre i due stanno consumando il rapporto in tutta tranquillità, di colpo spunta da dietro la porta il fidanzato della donna – un trentasettenne triestino – armato di una spada, una “katana” per la precisione.

Il veronese, però, aveva consegnato soltanto 160 euro rispetto ai 300 su cui si era accordato con la ragazza. Ne mancavano altri 140. “Dacci tutti i soldi pattuiti”, ha detto l’uomo puntando l’arma sulla fronte del cliente, il trentasettenne, che si era nascosto in un’ altra stanza dell’abitazione, temeva che l’uomo non pagasse tutta la cifra prima di andarsene. Il malcapitato veronese è un trentenne. Mentre era in compagnia dell’escort, la moglie era in auto ad aspettare con il figlio. Tutto concordato.

Come riporta ‘il piccolo’, “è successo lo scorso aprile a Trieste, in un appartamento di vicolo dell’ Ospedale Militare. Il veronese, terrorizzato dalle minacce del trentasettenne triestino, ha dovuto telefonare alla coniuge affinché le portasse il resto dei soldi pretesi. Poi, consegnata la somma (ma solo una parte), se l’ è data a gambe e ha chiamato la polizia.

La vicenda, su cui il pm Federico Frezza ha aperto un fascicolo, approda in Tribunale nei prossimi giorni. L’uomo che impugnava la katana è finito in guai giudiziari: è indagato per rapina armata e per sfruttamento della prostituzione. Sotto inchiesta pure il trentenne veronese: per quell’ appuntamento nell’ alloggio di vicolo dell’ Ospedale Militare, il cliente si era portato con sé un coltello affilato.

Temeva che l’incontro potesse andare storto? Pensava, come effettivamente avvenuto, di trovarsi qualcuno davanti oltre alla prostituta? O aveva intenzioni violente nei confronti della ventunenne? Sia il veronese che il triestino finiranno davanti al gup Laura Barresi per l’ udienza preliminare. Il pm Frezza ha infatti chiesto il rinvio a giudizio di entrambi”.

Loading...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com