Home » Valeria Marini: “Quell’incidente sfiorato con Alberto Sordi, mi diceva ‘Stà attenta al camion’…”
Spettacolo

Valeria Marini: “Quell’incidente sfiorato con Alberto Sordi, mi diceva ‘Stà attenta al camion’…”

Valeria Marini in un’intervista a Il Giornale Off

Valeria Marini ha rilasciato un’intervista a Il Giornale Off in cui racconta episodi della sua vita ed un aneddoto legato ad Alberto Sordi. La showgirl, diventata famosa grazie al Bagaglino negli anni novanta, è considerata una sex simbol ed a proposito degli inizi della sua carriera ha raccontato. “Posso citare quando ho fatto il film Incontri Proibiti con Alberto Sordi. L’ho incontrato e ho fatto il primo provino. Siccome il mio personaggio doveva anche guidare, mentre ero al volante ero distratta (faccio sempre quattro cose in uno). Così, mentre lui mi chiamava con il nome del personaggio e recitava la battuta: “Si, Signorina Federica, io capisco…” aggiungeva “Stà attenta al camion! Stà attenta al camion!” Aveva paura che io andassi a sbattere”.

Valeria Marini a proposito del Bagaglino, poi racconta. “È  stato il mio debutto in televisione. Un palcoscenico meraviglioso dove ho imparato tante cose. Io venivo dal teatro e volevo fare quello o il cinema, e non avevo pensato alla tv. Invece è stata una scelta giusta e ringrazio ancora Pingitore di avermi dato questa opportunità che mi ha aperto la strada al successo e al lavoro. Poi son legata tanto al film che ho fatto con Sordi, ma ogni esperienza di lavoro ti lascia qualcosa, anche quelle non positive, perché c’è sempre da imparare. Poi, sicuramente, quello che mi piace del mio lavoro è l’affetto e l’amore del pubblico”.

La showgirl è molto impegnata però, anche nel sociale, di cui racconta. “Sì, io sostengo da tempo l’AMRI l’associazione che lavora per la ricerca contro le malattie reumatiche infantili e che ha sede al Gaslini di Genova. Ho scelto questa associazione perché una volta sono andata per partecipare e ho visto la serietà con cui lavorano e accolgono sia i bambini che hanno questi problemi che le loro famiglie. Mi son sempre data da fare raccogliendo fondi e grazie alla collaborazione abbiamo comprato due macchinari molto importanti per la ricerca”.

 

Loading...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com