Home » Debora Caprioglio rivela: “Quella volta sul set con Kinski. Tinto Brass? Mia madre riattaccò il telefono”
Politica

Debora Caprioglio rivela: “Quella volta sul set con Kinski. Tinto Brass? Mia madre riattaccò il telefono”

Debora Caprioglio-Kinski, l’attrice parla a “Off”, l’inserto de ‘Il Giornale’:

Debora Caprioglio-Kinski, l’attrice parla della relazione con il regista e non solo. Ecco alcuni passaggi dell’ intervista rilasciata a “Off”, l’inserto de Il Giornale.

Debora Caprioglio esordisce parlando dei suoi sogni di ragazzina: “Ho iniziato molto presto, a diciotto anni. Facevo danza classica e sognavo di fare l’ attrice. Non avrei mai pensato di concretizzare questo sogno. Avevo fatto un concorso di bellezza, “un volto nuovo per il Cinema”, e poi una sera a cena con mia madre e mia sorella, in attesa di riprendere l’ ultimo anno di liceo, ho incontrato Klaus Kinski, che non conoscevo. Lui stava cercando volti nuovi per il suo film successivo. Una volta succedevano queste cose. Se io non fossi stata a quel tavolo, non so come sarebbe andata a finire”, spiega l’ attrice.

Debora Caprioglio-Kinski, a proposito del regista, lei spiega come il rapporto professionale si è evoluto: “Abbiamo avuto una relazione. Io a Mestre, lui negli Stati Uniti. Che tipo era? Non comprendevo allora, ma era un grandissimo artista. Aveva un amore maniacale per il cinema, per il suo lavoro. Quando preparava i film o i personaggi aveva con loro una profonda immedesimazione. Per fare Paganini, che è stato il mio primo film, si vestiva da Paganini tutti i giorni e girava per casa ascoltando musica classica a tutto volume! Quanto si resiste accanto a uno così? Dipende dal carattere! Io sono stata con lui tre anni. Magari, di fronte a una persona normale sarei durata cinque minuti. Io con lui, tre anni! Alla fine si è esaurita la storia. C’ era una differenza di età importante. Quello è stato il motivo più determinante”, rivela.

Debora Caprioglio-Kinski, il retroscena. “Durante le riprese del film Paganini, sull’ Appia Antica, dovevamo girare un campo lungo, era un film d’ epoca ovviamente, entra in campo una Cinquecento! Motore, azione, chi doveva bloccare la strada si è distratto, fa il suo ingresso sul set una Cinquecento con due innamorati che si volevano appartare. Klaus s’ incazza e, a quel punto, vestito da Paganini, salta sul cofano della macchina con l’ archetto del violino, spaventando i due che scappano. Un corvo impazzito contro questa coppia ignara”.

Sulle sue origini, l’ attrice parla di pregi e difetti dei veneti. “Padovani gran dottori, veneziani gran signori, vicentini magnagatti…Un pregio, un difetto… Possono essere molto open, gaudenti nel week end, poi da grandi lavoratori, molto chiusi nel resto della settimana. Due facce della stessa medaglia. Le nuove generazioni però, tutto diverso. Lo avverto nettamente il cambiamento. Noto costantemente questo collegamento al telefono o smartphone. Anche a teatro, le teste sono piegate su questi schermi luminosi. Gianfranco Jannuzzo, mio collega in scena, quando sente un cellulare che squilla lo fa notare in maniera divertente: “Se è per me, sto lavorando”. È una dipendenza con la “D” maiuscola”.

Debora Caprioglio racconta anche degli esordi e della reazione della sua famiglia. “Mia mamma mi ha sempre incoraggiato. Forse avrebbe voluto anche lei fare l’ attrice. Vinse anche lei un concorso di bellezza a Mestre. Mi ha sempre sostenuto. Stava sempre con me. Mio padre più silenzioso sul tema. Lui non c’ è più. Il mio primo ricordo da spettatrice? Al cinema, a vedere ‘Una giornata particolare’ con la Loren, al teatro Gino Bramieri, al Sistina. Era una commedia dove c’ era, guarda caso, anche Gianfranco Jannuzzo. Poi Alberto Lionello mi piaceva tanto. Col teatro non è stato amore a prima vista”.

Tutto iniziò con Tinto Brass: “Paprika è un film degli anni Novanta. A distanza di tanti anni è davvero un cult, un film davvero d’ autore. Era ambientato in un bordello. Riapertura delle case chiuse? Quando sento parlare di prostituzione penso sempre allo sfruttamento. Oggi tutto è più ingrandito. Non lo so se è una soluzione oggi. Gli interessi sono troppo grandi. Non sono sicura. Quel film raccontava un’ atmosfera protetta, c’ era il dottore, il controllo sulle malattie, ma era diverso”.

A proposito di Tinto Brass, la Caprioglio racconta un simpatico aneddoto. “Chiamò casa mia. Rispose mia madre. Signora, sto cercando Deborah, sono Tinto Brass. E lei: “E io la regina d’Inghilterra!” E buttò giù il telefono. Brass si innamora non si innamora delle attrici con cui lavora ma dei personaggi. Se ci fai caso non ha avuto la stessa attrice per più di un film”.

Infine, chiosa sulla sua esperienza a teatro. “È una passione, una droga. Se non lo faccio per più di dieci giorni mi manca. Mi manca il contatto col pubblico. Io sono fortunata. Quei dieci minuti di applausi sono più di una vacanza in un centro benessere. Qual è la piazza teatrale più accogliente? Non so perché, Torino. La più ostica? Roma. Difficile da acchiappare. Un personaggio che vorrei fare è “La locandiera di Goldoni. Per risollevare il teatro bisogna portare i giovani. Sono il pubblico del futuro e sono molto attenti. Il Teatro è civiltà”, conclude Debora Caprioglio.

Sullo stesso argomento:
Debora Caprioglio: “Nessun imbarazzo per le scene hot, mi sono divertita con Tinto Brass”

Debora Caprioglio si racconta: “Ho rinunciato a tutto il resto per amore del Teatro. Su Tinto Brass…”

Loading...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com