Home » Curva e mani ad artigli: come sarà la donna trasformata dalla tecnologia. Lo studio
Curiosità Salute Tecnologia

Curva e mani ad artigli: come sarà la donna trasformata dalla tecnologia. Lo studio

Come sarà la donna trasformata dalla tecnologia? Lo studio e la proiezione

Come sarà la donna trasformata dalla tecnologia? Cambierà parecchio, questo perché, come dimostrato dall’ evoluzione, il nostro corpo non ha mai smesso di cambiare per adattarsi all’ ambiente. I cambiamenti finora subiti raccontano molto, non solo di come siamo, ma anche di come saremo e di come potremmo essere. Ce lo ricorda il biologo di Harvard Daniel Lieberman in uno studio riportato da Vanity Fair.

L’ evoluzione umana, e con lei la storia del nostro corpo, è tutt’ altro che conclusa. Fra un centinaio di anni, ad esempio, dovremo fare i conti con gli effetti della tecnologia sul nostro fisico e aspettarci dei cambiamenti adattivi.

Ma quali? Maple Holistics, un’ azienda che produce articoli per la cura del corpo, ha creato Mindy, un modello 3D della donna del futuro, basandosi su alcune delle previsioni fatte dagli scienziati. E il risultato è piuttosto impressionante.

L’ umano del 2100 ha una schiena curva, causata da ore passate su una sedia davanti al computer in ufficio. I muscoli del collo si sono allungati per limitare i danni causati da una postura scorretta dovuta al monitor e dell’uso dello smartphone.

«Trascorrere ore a guardare il telefono mette a dura prova il collo e la spina dorsale», ha spiegato Caleb Backe, esperto di salute e benessere di Maple Holistics. «Di conseguenza, i muscoli del collo devono fare uno sforzo extra per sostenere la testa e si indolenziscono.

Stare seduti davanti al computer in ufficio per ore e ore implica anche che il busto si inclini in avanti piuttosto che rimanere dritto e allineato rispetto alle anche». Ma non è finita. Il cranio di Mindy si è ispessito, per proteggere il suo cervello dalle radiazioni a radiofrequenza emesse dagli smartphone che, secondo alcuni, potrebbero avere effetti negativi sulla salute.

Anche il suo cervello si è ridotto, in base alla recente teoria scientifica secondo cui uno stile di vita sedentario riduce progressivamente la capacità del cervello umano. La sua mano si è modellata in una presa ad artiglio e il gomito è piegato a 90 gradi, per via dei periodi prolungati trascorsi a controllare lo smartphone.

L’ ultimo cambiamento fisico di Mindy è forse il più sorprendente: l’ uomo del futuro ha sviluppato una seconda serie di palpebre per filtrare la luce eccessiva emessa dai dispositivi tecnologici. È chiaro che Mindy sia stata progettata soprattutto per impressionare, ma fornisce comunque una rappresentazione interessante dei risultati della ricerca scientifica.

«La tecnologia ci offre comodità, connettività, intrattenimento e molto altro ancora, ma richiede un compromesso», come ha dichiarato Jason O’ Brien, COO di TollFreeForwarding.com, che ha commissionato il modello.

«La sovraesposizione alla tecnologia può, a volte, andare a scapito della nostra salute. I vantaggi che la tecnologia offre alle persone e alle imprese sono troppo grandi per essere ignorati, ma vale la pena di valutare il modo in cui ciascuno di noi utilizza i dispositivi, per fare in modo che la salute non venga danneggiata, a lungo termine»”, ha spiegato.

Sullo stesso argomento:
Smartphone e salute a rischio, il Tar obbliga ministeri a campagna informativa

Sempre sullo stesso argomento:
L’uso dei social fa aumentare la depressione e la solitudine: lo studio

Potrebbe interessarti anche:
Foto al panorama con cadavere: macabra scoperta di turisti a Perugia

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Loading...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com