Home » Remo Girone al Festival di Sanremo 92: “Dovevo andarci con Marcella Bella. Piovra? Mi presentai per Tano, volevano altro…”
Spettacolo

Remo Girone al Festival di Sanremo 92: “Dovevo andarci con Marcella Bella. Piovra? Mi presentai per Tano, volevano altro…”

Remo Girone al Festival di Sanremo 92. L’attore ripercorre le tappe della sua carriera, rivelando alcuni retroscena in un’ intervista rilasciata ai microfoni di ‘OFF’, l’inserto de ‘Il Giornale’

Qual è la sua commedia italiana preferita?
“Ce ne sono due o tre in realtà. La grande guerra, I soliti ignoti, Riusciranno i nostri eroi…, I vitelloni. In realtà più ci penso e più aumentano”.

Lei ha avuto una grande e fortunata carriera: da dove nasce la passione per la recitazione?
“Sin dai primi anni: da bambino, alle elementari, mi facevano leggere sempre le poesie, mentre durante le medie recitavo nelle operette organizzate per la fine dell’ anno con i Filodrammatici. E siccome non ero un grande cantante, mi chiamavano per ruoli di protagonista. Alla fine dell’ anno si assegnavano anche le medaglie d’ oro: io ce l’ avevo in arte drammatica”.

Nella sua carriera c’ è stato qualche palco che le ha procurato un po’ di soggezione, di timore?
“Il timore si ha sempre ogni volta che si fa un personaggio nuovo, almeno il primo giorno. Ma il vero timore non l’ ho mai avuto. Eccetto due anni fa per il film con Ben Affleck, La legge della notte: nel cast c’ erano tanti premi Oscar e altrettanti con tante candidature. Una sensazione simile l’ ho provata al Teatro Reggio di Parma, con Zio Vanja, dove interpretavo Astrov”.

Ci tolga una curiosità: ma è vero che doveva partecipare al Festival di Sanremo del 1992 con Marcella Bella? Quella canzone la sentiremo prima o poi?
“Meglio di no! Quella canzone fu scritta da Gianni Bella e cantata da Marcella, che era appena diventata mamma del piccolo Tommaso. La mia era soltanto una parte recitata, in cui parlavo di bambini che soffrivano la fame. La canzone era stata bocciata da Sanremo in quanto ritenuta troppo commerciale: io ero reduce dalle…”Piovre” e lei era…”Marcella Bella”…”

Che ricordo ha degli anni de “La Piovra”?
“Grandissima esperienza e bellissimi ricordi. Cercavano un attore giovane, di circa 20 anni, per coprire quel ruolo. E io ne avevo già 35. Era una parte difficile…”

Ci racconti i suoi inizi con “La Piovra”
“Cercavano un attore più giovane per quel ruolo, era una parte difficile. Accettai: non avevo visto i due film precedenti, sapevo solo che era un grande successo. Però avevo già lavorato con Michele Placido. Mi avevano proposto un ruolo molto più lungo rispetto a quello che poi interpretai, era quello di un avvocato, che poi sarebbe morto. Io invece mi proposi per quello che poi non sarebbe morto [ride, n.d.r.]”.

Prossimi impegni?
“Un film uscirà il 15 novembre, con Matt Damon e Christian Bale: “Ford vs Ferrari“. Qui copro il ruolo di Enzo Ferrari e si spera sia un blockbuster. Di certo l’ impegno è stato enorme per tutti: hanno addirittura affittato un aeroporto privato per trasformarlo in una pista. E hanno ricostruito le macchine in vetroresina, ma con motori Chevrolet, con tanto di piloti veri, come il figlio di Damon Hill. Loro non mi conoscevano, ma quando hanno capito che avrei impersonato Enzo Ferrari, hanno voluto tutti fare una foto con me”.

Leggi anche:
Varese, auto travolta da un treno: morti marito e moglie

Magistratura in lutto: è morto Francesco Saverio Borrelli, ex capo del pool Mani Pulite

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Loading...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com