Home » Orrore a Biella, dipendenti tempio crematorio incastrati da una telecamera: il video agghiacciante
Cronaca

Orrore a Biella, dipendenti tempio crematorio incastrati da una telecamera: il video agghiacciante

Orrore a Biella, dipendenti tempio crematorio incastrati da una telecamera:

Orrore a Biella, dipendenti tempio crematorio incastrati da una telecamera mentre bruciavano più corpi contemporaneamente, a volte senza nemmeno ridurli allo stato di cenere e gettandone i resti nella pattumiera. Come riporta ‘Il Corriere della Sera’, “spingevano nel forno una nuova bara — lo hanno confessato alcuni degli indagati — mentre i resti di quella precedente non erano ancora inceneriti, con tutto quel che ne consegue per il contenuto delle urne consegnate poi ai parenti.

Quindi ci sono 500 famiglie (ma potenzialmente quelle coinvolte potrebbero essere migliaia) che si sono rivolte al Codacons per avere verità e giustizia; per sapere che cosa è finito nelle urne in cui hanno creduto di custodire i resti di madri, padri, fratelli, sorelle, figli…

Al Tempio l’ indecenza delle cremazioni multiple — chiamiamole così — è arrivata dopo un accordo che la Società Cremazioni Biella (la Socrebi, alla quale era affidata la gestione del forno) firmò all’ inizio del 2017 per acquisire defunti da tutto il Piemonte, Valle D’Aosta e Lombardia. Il lavoro aumentò a dismisura ed aumentò oltre i limiti del possibile anche il numero delle cremazioni: all’ improvviso il 441% in più rispetto ai mesi precedenti. Una cifra incompatibile con il tempo necessario medio per la cremazione di ciascun corpo”.Di seguito il video degli orrori pubblicato da ‘Il Corriere della Sera’.

Leggi anche:
Il biografo reale Duncan Larcombe: “Harry voleva sposare Pippa Middleton non Meghan Markle”

Paura per Nina Moric: “Attaccata da un batterio mangia-carne”. È disgustoso, devo ringraziare un medico italiano

Scherza col cavallo selvaggio in spiaggia: la ‘vendetta’ dell’animale è spietata [VIDEO]

Elena Santarelli sbotta per i commenti alle sue foto: “Se il concetto non è arrivato al cervello non è un problema mio…”

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale 

Loading...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com