Home » Gb, super poliziotta rovinata dal video hard: addio candidatura alla guida di Scotland Yard
News World

Gb, super poliziotta rovinata dal video hard: addio candidatura alla guida di Scotland Yard

Gb, super poliziotta rovinata dal video hard: addio candidatura alla guida di Scotland Yard, ma una coincidenza terribile l’ha stroncata

Gb, super poliziotta rovinata dal video hard: addio candidatura alla guida di Scotland Yard. È stata definita, nell’aula di tribunale, una «tragedia totale»: una delle poliziotte nere più in vista del Regno Unito è stata condannata per possesso di materiale pedopornografico. Ma è una sentenza che ha lasciato il pubblico stupefatto e che ha sollevato accuse di razzismo e discriminazione: perché quelle immagini raccapriccianti erano finite sul telefonino della super-agente per caso. E c’è chi sospetta che la giustizia abbia usato la mano pesante perché si trattava di una donna di colore.

Quel che è certo è che la carriera stellare di Robyn Williams è stata rovinata. Lei era considerata finora la prima possibile donna nera alla guida di Scotland Yard (attualmente a capo c’è Cressida Dick, una donna omosessuale). Figlia di genitori giamaicani, era cresciuta senza avere un padre accanto e a soli 18 anni si era arruolata nella polizia. In 36 anni di servizio era stata insignita di numerose medaglie e lodata dalla regina per il ruolo svolto nei disordini londinesi del 2011 e in occasione dell’incendio alla Grenfell Tower di due anni fa. Insomma, un ufficiale modello, esempio della diversità nei ranghi della polizia britannica.

Una favola che si è infranta nel febbraio dell’anno scorso, quando sua sorella — che ha avuto una traiettoria esistenziale molto diversa — le ha mandato via WhatsApp un video pedopornografico. L’intento della sorella era di denunciare quella roba e chiederle di indagare. Ma la legge britannica è inflessibile: chiunque è in possesso di materiale di quel genere, se non riferisce subito alle autorità, commette reato. E la Williams ha impiegato un paio di giorni prima di accorgersi di cosa fosse finito sul suo telefonino.

Il giudice che ha emesso la sentenza ha riconosciuto che si trattava di «circostanze particolarmente insolite» e che è stato costretto a improvvisare. Ma non c’è stato nulla da fare: Robyn è stata condannata a svolgere 200 ore di lavori socialmente utili e il suo nome è stato iscritto sul registro dei criminali sessuali. Con «immense conseguenze» sulla sua carriera (fonte: corriere.it).

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale

Ultima ora:
Guai finanziari per Cristina Chiabotto: costretta a vendere negozi per sanare debiti con fisco

Gb, super poliziotta rovinata dal video hard: addio candidatura alla guida di Scotland Yard

Leggi anche:
Articolo 31, morto Luciano Roberti: musica in lutto

Gioco erotico via Skype finisce male: 30enne e muore asfissiato a Trento

Giorgia Venturini palpata da Cruciani in diretta: “Sono morbide…” – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com