Home » Eva Robin’s: “Con le donne meglio che gli uomini. Ho una compagna da molti anni. A Sgarbi voglio dire…”
Gossip

Eva Robin’s: “Con le donne meglio che gli uomini. Ho una compagna da molti anni. A Sgarbi voglio dire…”

Per Eva Robin’s con le donne meglio che gli uomini. È la stessa showgirl a confessarlo in una intervista rilasciata ai microfoni di ‘Diva e Donna’

Eva Robin’s: “Con le donne meglio che gli uomini. Ho una compagna da molti anni. A Sgarbi voglio dire…”. La showgirl si confessa in una lunga intervista rilasciata ai microfoni della collega Marina Perzy per la rivista ‘Diva e Donna’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Da bambina, anzi da bambino com’eri? Con cosa giocavi?
“Diciamo i classici: soldatini, le bambole…non giocavo con i maschi ma con le femmine”.

Pensavi di fare l’attrice fin da allora?
“Sono cresciuta e allevata in due collegi il primo di suore e l’altro di preti quando già ero alle medie e diciamo che sono stata addestrata al ballo e alla recitazione fin da bambino, nel collegio dove mi trovavo, c’erano i saggi e già interpretavo ruoli femminili”.

Eri un maschietto fino a che età?
“Verso i tredici quattordici anni, ho fatto la transizione”.

Sei stata sempre molto riservata, un contrasto con il periodo che viviamo dove trash e confessioni mirabolanti impazzano o mi sbaglio?
“Sì forse da una parte, ma per esempio nelle interviste mi lascio andare come se facessi una seduta psicoanalitica, facendo il punto della situazione, e dicendo anche cose a volte inaudite”.

Tornando indietro al collegio, che ricordi hai, ora si chiama bullismo… tu lo hai subito?
“Mi isolavo, scappavo, io non sono molto un animale da gruppo ecco perché non ho mai fatto i reality. Facevo delle escursioni in questa soffitta enorme, ci potevi girare in bicicletta, piena di cose, arredi, scenografie, tessuti, costumi, sentivo e respiravo il profumo del palcoscenico, scaffali immensi, lì era il mio mondo privato, il mio posto incantato. Io ero sempre molto delicata, non mi aggregavo ai giochi così detti maschili, mi comportavo come una principessa, va da sé che ero sempre presa dal più forte del gruppo…non sessualmente naturalmente, ma c’erano già questi ruoli predestinati”.  

A proposito di sesso, c’è sempre l’età, dove ci scopre e si osserva il nostro corpo, com’è stata per te la prima volta che hai preso confidenza con te stessa/o?
“La differenza intendi dire? La prima volta che vedevo il pisello che s’induriva, pensavo di avere una qualche forma di malattia, sai le suore non ci educavano sessualmente, poi cercando e verificando il confronto con i miei compagni capii, che avevano anche loro quella malattia lì!”.

I tuoi genitori, la tua famiglia? Parlami di loro
“Avevo solo mia madre, quando mi ha partorito, mio padre se ne era già andato, e lei era felice di averlo abbandonato, dato che non lo voleva più; lo aveva trovato a letto con la sua migliore amica proprio mentre era incinta di me. Lei aveva un albergo a Lugo di Romagna che gestiva, i miei fratelli, un maschio e due femmine, figli di altro padre, erano invece gestiti dalla nonna. Con loro un rapporto però nullo, sparpagliati e con strade diverse. Da adulta ho rivisto e frequentato mio padre, era un playboy, un bellissimo uomo, soprannominato faccia d’angelo”.

Diciamo che per discesa (alchimia) le assomigli un po’?
“Diciamo più ascesa…! Sì il carattere è molto simile, anche le fattezze del viso, mia madre era sicuramente più maschile, erano una bellissima coppia. Mia madre però è stata il genitore fantastico, la figura più importante una spalla vera per me. Lei mi ha sempre accettato”.

Questo tuo convivere con le tue due parti, l’equilibrio che dici di avere, un tuo bilancio?
“Due parti incedibili: una era la vanità e Robertino era la testa che governava la parte quella più frivola…vanitosa. Insieme facevano la forza”.

Eva Robin’s si racconta: “Ho una compagna da molti anni, non ci sposiamo perché…”

A distanza nel tempo pensi sia stato un privilegio, o un ostacolo avere le due possibilità di vivere sesso e sentimenti? Ripensamenti?
“Alcuni durante la transizione spesso hanno crisi e bisogno di sostegno psicologico, non è stato il mio caso, io no, la crisi lo avuta più nei momenti di défaillance amorosa, perdevo il centro di me stessa, solo se qualcuno interferiva in campo affettivo, altrimenti sono sempre stata molto solida”.

Parliamo allora d’amore come lo hai vissuto o vivi. Ricordo durante i famosi anni 80 i ragazzi soprattutto per te impazzivano, ma tu come hai vissuto l’amore nelle diversità tra uomo e donna?
“Passando da esaltazione a distruzione nello stesso tempo. Le ustioni d’amore le ho avute con gli uomini, con le donne mi sono accompagnata, fortificata, confrontata e sono stata sostenuta dalle donne; gli uomini mi hanno sempre fatto perdere il senno, per cui io li vivo male, come una catastrofe nella mia fase interiore”.  

Perché cosa ti fanno scattare?
“La paura per esempio di essere abbandonata per qualcun altro, invece con le donne non mi sentivo così, ero più temprata più sicura, meno esposta, l’uomo è il mio punto debole. Poi oltremodo ora con la maturità non sono interessata all’uomo figura intera, ma solo la zona genitale in caso, quella scoperta lì, per il resto non sono coinvolta; con le donne avevo un universo da scoprire e su cui appoggiare così da crescere; con gli uomini invece mai non mi hanno mai fatto crescere ma scivolare verso l’abisso”.

L’opposto delle donne che solitamente vogliono mettere su famiglia con un uomo, forse sapevi non poterlo fare ed eri così più vulnerabile?
“Dimentichi che io sai sono sempre stata educata da maschietto, quindi ho la testa di un uomo…con un corpo da donna…non sono di testa una donna!”.

Chiaro! Della fedeltà che ne pensi?
“La vedo non nelle azioni, la fedeltà per me è intesa nel non tradire il rapporto con gli amici, nell’uomo, per carità ho sbagliato tante volte perché confessavo le mie trasgressioni con altri e il rischio era o perdere il rapporto o prendere dei gran ceffoni! Mi sono fatta furba. Io sono infedele nel lato sessuale ma fedele nei sentimenti, ora ho diverse relazioni, con ognuna taccio dell’altro”.

Come persona come ti definisci in generale?
“Una con molti entusiasmi e molte passioni, che vive alla giornata e il momento che sto calpestando, con qualche ombra su come procederà il resto dell’esistenza …ma diciamo non è il mio tema psicanalitico questo”.

Una delle tue passioni è dipingere quando non fai teatro e i tuoi quadri hanno uno imprinting personalissimo, spiegami la tua arte?
“Faccio tre tipologie di quadri: i rifatti che sono delle vecchie foto o oleografie dove io intervengo e stravolgo il soggetto, gli intrusi che sono quadri di maniera nei quale io inserisco un elemento che passeggia nel quadro, poi altri quadri veri e propri. Amo artisti come Becon, Pizzicanella, Dalì, in questo periodo Nicola Samorì. Il mio sogno è diventare sempre più brava e presente anche in quest’altro linguaggio oltre al cinema e la tv”.

So che sei stata provinata anche per entrare nella casa del GFVIP.
“Si sono stata visionata e qui quando ti fanno l’interrogatorio, sono delle frasi alle quali rispondi di preliminare al provino, io ho detto delle cose che evidentemente hanno fatto capire che non ero la persona adatta…”.

Perché?
“C’erano degli scrutinatori tra i quali Irene Greco che già mi conosceva dai tempi famosi di Boncompagni e per la Repubblica delle Donne con Chiambretti, e credo mi hanno trovato non adatta. Io sono libera, ma anche prigioniera di certe abitudini mie. Stare rinchiusa in una sorta di carcerazione non fa per me. Ti dicevo che non sono da reality non sono da vita da gruppo…”.

Eva Robin’s: “Con le donne meglio che gli uomini. Voglio  dire una cosa a Sgarbi…”

Sei stata accettata molto come attrice nel cinema e anche nel teatro da registi, colleghi, insomma da un ambiente che sappiamo molto capace del contrario, anche in questo sei stata diversa.
“Sono stata antesignana in effetti, ho sdoganato una certa sessualità legata al costume, per fortuna che hanno assecondato la mia inclinazione alla recitazione che avevo già da bambina. Maurizio Nichetti è uno spiritello, che saltella nel mondo dell’arte con sindrome di Peter Pan, Dario Argento è un uomo pieno di paure stranamente lui che te le fa venire le paure, è un uomo con tante sindromi”.

Se tu dovessi uscire a cena con chi? Hai qualche preferenza o desiderio?
“Con Michela Brambilla la parlamentare! Mi piacerebbe molto, abbiamo molte cose in comune come gli animali, che trovo siano la scelta più grossa che abbiamo alla situazione affettiva”.

Chi ha sofferto per te?
“Tutte le donne, perché non sono mai coinvolta a 360 gradi e come fare il bagno con gli stivali, non ti bagni mai i piedi!”.

C’è qualcosa che vuoi dire a qualcuno o qualcosa? A Sgarbi ad esempio che ti ha tirato alla ribalta e con un fatto molto privato ti ha avvisato prima? Ti ha dato fastidio la cosa?
“No ma non figurati se lui ti avvisa, lui è molto estemporaneo, fastidio…l’ho trovato impavido e di solito gli uomini non lo sono. Se proprio devo, ecco magari poteva risparmiare i dettagli di dire chi faceva cosa nel ring del letto”.

La tua prima volta che hai fatto l’amore come è stata da uomo, da donna?
“Da ragazzino…avevo undici anni con un archeologo che mi aveva incantato mostrandomi tutti i minerali”.

Quanto era grande?
“Diciamo un pochino di più …lui mi ha iniziata, nessuna violenza niente di ciò. All’epoca non era considerata una molestia se poi eri consenziente, era solo, in effetti, la differenza di età. Se pensi che nell’antica Grecia, fossero i filosofi che iniziavano alle pratiche sessuali i ragazzini. Io ho avuto una sorta di accompagnamento nella direzione sessuale da una persona adulta, nessune cose brutte”.

Fu solo tempo dopo il tuo passaggio a donna.
“Sì assolutamente, un giorno andai a Riccione feci delle mege, due colpi di sole, tornai a Bologna e già mi chiamavano signorina! Avevo quattordici anni”.

Con l’aiuto del tuo vicino di casa che lavorando in ospedale, ti forniva gli ormoni, così tu non ha avuto bisogno d’interventi chirurgici, il seno era tutto naturale, ricordo le tue foto bellissime di Roberto Granata per Play Man che fecero grande scalpore. Che rapporto hai con il social e con tutto questo mondo che espone immagini.
“Allergia, infatti, non curo né la mia pagina FB ma Chiara un’amica giornalista, su instagram mi hanno scippato il profilo. Quello che c’è non sono io non è curato da nessuno per me”.

Hai dichiarato che ti sposerai, o pensi di farlo raccontami? Com’è la tua compagna?
“Ho una persona da molti anni, e anche lei lo voleva fortemente il matrimonio, poi ho deciso di no per proteggerla dai media, dal fango mediatico essendo lei di una famiglia molto in vista bolognese. Per me lei è una persona indispensabile al mio percorso umano e affettivo”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale

Ultima ora:
Investe una bimba di 6 anni: mostra il dito medio alla mamma e scappa – VIDEO

Eva Robin’s: “Con le donne meglio che gli uomini. Ho una compagna da molti anni. A Sgarbi voglio dire…”

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com