Home » Civitanova Marche come in Fiera a Milano: ospedale anti-Covid costoso, vuoto e con lo stesso destino
Italia News

Civitanova Marche come in Fiera a Milano: ospedale anti-Covid costoso, vuoto e con lo stesso destino

Civitanova Marche come in Fiera a Milano: ospedale anti-Covid gemello anche per sorte

Civitanova Marche come in Fiera a Milano: ospedale anti-Covid costoso, vuoto e con stesso destino. Non solo il capolavoro (inutile) realizzato nel capoluogo meneghino, a far discutere in Italia in questo senso c’è un’altra struttura. Stiamo parlando dalla cosiddetta “astronave”, nomignolo attribuito da Guido Bertolaso, a capo del progetto.

L’ospedale si trova a Civitanova Marche, in provincia di Macerata, dove è stato inaugurato dieci giorni fa dopo tre settimane di costruzione. È nato per la cura dei malati di Covid-19 ed un ospedale uguale, in tutto e per tutto, a quello ultimato alla Fiera di Milano. E come il suo gemello ha sollevato le medesime polemiche. Ma veniamo alle similitudini, per certi versi davvero incredibili.

A partire dalla modalità di finanziamento: una raccolta di fondi tra privati, come a Milano. Identica la funzione: reparti per il trattamento di malati intensivi e sub intensivi. E, come anticipato, stesso «padre» del progetto, ovvero l’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. Ma purtroppo anche la sorte è la stessa. Si, perché al momento l’ospedale di Civitanova Marche è vuoto, come quello milanese, e destinato con ogni probabilità a rimanere tale.

Civitanova Marche come in Fiera a Milano: ospedale anti-Covid vuoto

Anche nelle Marche la struttura è sistemata negli spazi dell’ex Fiera locale e anche qui viene difesa a spada tratta in pieno stile Fontana/Gallera. Con un un’unica differenza: Luca Ceriscioli, Presidente della Regione, è del Pd, a differenza di Fontana che è leghista.

A fronte dei 20 milioni e passa spesi a Milano, quello di Civitanova Marche è costato 12 milioni di euro. Conta 84 posti letti (il doppio rispetto al gemello lombardo) divisi in parti uguali tra acuti e sub acuti. Spetterebbe, però, alla Regione Marche fornire il personale e mettere in moto l’«astronave».

Ma è qui che sorgono i dubbi. Nelle Marche al 20 maggio i malati attivi per coronavirus erano 1.974, dei quali appena 16 ricoverati in terapia intensiva. Inoltre, l’incremento dei casi giornalieri è alquanto basso. Insomma la regione vede la fine dell’emergenza, mentre qualcuno ha pensato, e sta continuando a pensare, nella direzione opposta. Chissà perché…

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale 

Ultima ora:
Morti in Italia gennaio e febbraio, Inps: ’47mila decessi in più, dato shock al Nord, 5 Province su tutte’

Conte alla Camera: “Poste basi per la ripartenza. Un aspetto è importante. Faccio un appello agli italiani”

Super De Luca Bros: il governatore diventa videogioco che scansa i runner cinghialoni e acchiappa mascherine

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com