Home » Scoperto l’interruttore della magrezza: è un complice dei tumori. Possibile svolta contro l’obesità
Salute

Scoperto l’interruttore della magrezza: è un complice dei tumori. Possibile svolta contro l’obesità

Scoperto l’interruttore della magrezza: è il gene complice dei tumori

Scoperto l’interruttore della magrezza: è un complice dei tumori. Possibile svolta contro l’obesità. Scoperto nel Dna l’interruttore molecolare della magrezza: si tratta del gene Alk, un famoso complice dei tumori che potrebbe giocare un ruolo cruciale anche nella regolazione del metabolismo dei grassi.

Questa scoperta potrebbe rappresentare una vera e propria svolta per quanto riguarda nuove terapie contro l’obesita’. Questo perché il gene è già bersaglio di numerosi farmaci anti-cancro. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Cell dai ricercatori dell’ Università della British Columbia.

Josef Penninger, coordinatore dello studio, spiega: “Mangiano qualsiasi cosa. “Tutti conosciamo quelle persone che possono mangiare di tutto pur restando metabolicamente sane. Questi non passano tutto il tempo in palestra, eppure non prendono peso. Sono all’incirca l’1% della popolazione”.

Scoperto l’interruttore della magrezza

Per carpire il loro segreto, i ricercatori hanno esaminato i dati contenuti nella Biobanca estone, che include informazioni cliniche e genetiche relative a oltre 47.000 persone tra i 20 e i 44 anni. Dal confronto tra individui magri e normopeso, sono emerse diverse varianti del gene Alk che sono presenti solo nei soggetti piu’ esili.

Alla luce di questa osservazione, i ricercatori hanno provato a disattivare Alk nei moscerini della frutta e nei topi di laboratorio, scoprendo che tutti questi animali riuscivano a rimanere magri anche se sottoposti a una dieta ipercalorica. I topi privati del gene Alk, se sottoposti allo stesso regime alimentare e alla stessa attivita’ fisica dei topi normopeso, erano comunque piu’ leggeri e meno grassi. Considerato che il gene Alk e’ espresso in grandi quantita’ nel cervello, i ricercatori ipotizzano che possa regolare da li’ il metabolismo del tessuto adiposo.

Se questi risultati venissero confermati anche da altri studi, allora si potrebbe aprire un nuovo scenario per le terapie anti-obesita’. “Gli inibitori di Alk vengono gia’ usati in oncologia contro il cancro, e’ un gene che puo’ essere colpito: e’ proprio quello che cercheremo di fare in futuro”, conclude Penninger (fonte: Ansa).

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale 

Ultima ora:
Morti in Italia gennaio e febbraio, Inps: ’47mila decessi in più, dato shock al Nord, 5 Province su tutte’

Super De Luca Bros: il governatore diventa videogioco che scansa i runner cinghialoni e acchiappa mascherine

Cortina fa causa alla Cina: distretto turistico Dolomiti chiede danni per la stagione. Fissata la data dell’udienza

Alba Parietti ricorda Ezio Bosso: “Ci siamo frequentati. Dopo 5 minuti con lui ti convincevi di un aspetto”

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com