Home » Morbo di Parkinson, scoperte le molecole che possono frenare la malattia: la svolta
Salute

Morbo di Parkinson, scoperte le molecole che possono frenare la malattia: la svolta

Morbo di Parkinson, nuovo e importante passo in avanti nella lotta

Morbo di Parkinson, scoperte le molecole che possono frenare la malattia: la svolta. Nuovo e importante passo in avanti nella lotta contro questa malattia grazie alla scoperta di un team di ricercatori della Nanyang Technological University di Singapore e dalla Harvard University. Gli esperti hanno infatti identificato nei topi una possibile chiave per aumentare i livelli di dopamina, riuscendo a rallentare il decorso della patologia.

Protagonista la “coppia molecolare” composta dalla prostaglandina E1 (Pge1) e dalla prostaglandina A1 (Pga1). Le due molecole sono in grado di legarsi a una classe di proteine ​​fondamentali per lo sviluppo e il mantenimento della dopamina nel cervello. La scoperta potrebbe dare il via a una serie di altri studi finalizzati allo sviluppo di un nuovo farmaco potenzialmente in grado di rallentare la malattia.

La scarsa presenza di dopamina nel cervello, infatti, determina nei pazienti affetti dal morbo di Parkinson difficoltà nel controllare i movimenti motori. Si tratta di un disturbo che può portare a una serie di sintomi motori, quali tremore e rigidità dei muscoli delle mani, delle braccia e delle gambe. Il morbo di Parkinson, ricordiamo, è il secondo disturbo neurodegenerativo più comune al mondo dopo il morbo di Alzheimer.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata Nature Chemical Biology, e coordinato dal professor Yoon Ho Sup della School of Biological Sciences della NTU e dal professor Kwang-Soo Kim del McLean Hospital e della Harvard Medical School negli Stati Uniti. Gli esperti, tramite ricerche di laboratorio e test condotti sui roditori, hanno studiato nel dettaglio il ruolo della coppia molecolare prostaglandina E1 (Pge1) e dalla prostaglandina A1.

Morbo di Parkinson, scoperte le molecole che possono frenare la malattia: lo studio

Sono così riusciti a dimostrare che legandosi alla classe di proteine Nurr1, riescono ad attivarla, portando a un aumento della produzione di dopamina. “Dopo aver attivato Nurr1, i topi con la malattia di Parkinson hanno mostrato miglioramenti significativi nelle loro funzioni motorie”, spiegano i ricercatori sulla pagine della rivista specializzata.

“Dato che tutti i farmaci candidati al Parkinson non hanno dimostrato capacità neuroprotettive negli studi clinici, i nostri risultati potrebbero offrire l’opportunità di progettare nuove terapie per trattare il morbo di Parkinson con scarsi effetti collaterali”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale 

Ultima ora:
Esperimento di chimica finisce in dramma: 11enne ustionato sul 75% del corpo a Collegno

Simula rapimento del figlio autistico di 9 anni che ha ucciso annegando in canale: il video che ha incastrato la donna

Trump contro i social, arriva la scure del Presidente Usa: firmato ordine, ecco cosa cambia

Coronavirus, Sud Italia protetto da uno ‘scudo genetico’: lo studio americano

Tacconi: “Heysel? Noi costretti a giocare e ad esultare. Italia 90? Io qualche rigore lo avrei parato. Su Sibilia…”

De Magistris: “Accoglieremo lombardi ma se i contagi fossero stati al Sud ci avrebbero murati vivi”

Levante: “In quarantena ho vissuto un momento molto buio ma ho avuto una conferma”

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com