Home » Roma, sesso con l’alunna sedicenne: professoressa arrestata
Cronaca

Roma, sesso con l’alunna sedicenne: professoressa arrestata

Roma, sesso con l’alunna sedicenne: professoressa arrestata dopo abusi

Roma, sesso con l’alunna sedicenne: professoressa arrestata. Una docente è finita in manette per alcuni abusi perpetrati nei confronti di una sua alunna 16enne, nel corso dell’anno scolastico. A denunciare l’accaduto, è la stessa ragazza dopo aver trascorso qualche giorno di vacanza con l’insegnante.

Come riporta ‘La Repubblica’, tutto è accaduto quando la ragazza aveva 16 anni e la sua professoressa di italiano, 63. Quest’ultimo ha messo gli occhi addosso all’allora 16enne avvicinandola pian piano. Lodando le sue capacità di studentessa, parlandole d’arte. E Alessandra (il nome è di fantasia) si è lasciata lusingare con l’ingenuità della sua età, senza capire che stava entrando in un vicolo cieco. Si è affezionata a quell’adulta, si è fidata di lei.

“Lo stesso hanno fatto per mesi i suoi genitori, prima di rendersi conto che qualcosa non andava. Ieri la professoressa è stata arrestata dai carabinieri: è ai domiciliari con l’accusa di atti sessuali con minore. Una storia che nasce tra i banchi di un istituto tecnico alle porte di Roma.

Alessandra è una figlia affettuosa e una studentessa brillante. Per questo nessuno si stupisce delle attenzioni della sua insegnante. La prof spesso le fa complimenti in classe, durante la ricreazione la intrattiene parlando di arte, passione che le due condividono. Con il passare del tempo, i rapporti si fanno più stretti. Le due si vedono anche al di fuori dell’orario scolastico.

Alessandra, a un certo punto, capisce che la sua insegnante vuole qualcosa di più, cerca di resistere, è perplessa. Ma la docente insiste e la ragazzina cede alle lusinghe. La scorsa estate, a relazione già iniziata, l’adolescente parte per trascorrere qualche giorno nella casa di villeggiatura della professoressa nelle Marche. I genitori sono dubbiosi, ma la figlia spiega che faranno i compiti, che possono fidarsi e non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Roma, sesso con l’alunna sedicenne: la denuncia della giovane

Quando torna, però, la ragazzina è cambiata. In casa non è più solare come prima. È sfuggente, risponde male. I suoi si preoccupano, fanno domande. E lei, a fine estate, in lacrime, racconta tutto. Il corteggiamento, le lusinghe, le attenzioni. Descrive la trappola in cui è caduta e la relazione durata circa quattro mesi. Piange, chiede scusa, dice di sapere di aver sbagliato.

Mostra a mamma e papà i messaggi, allusivi eppure mai espliciti, dell’insegnante. Nelle conversazioni spesso l’adulta la invita ad allontanarsi dalla famiglia, a staccarsi da loro. Le dice di non dire a nessuno quello che succede tra loro. In casa sono ore di disperazione ma alla fine i genitori si convincono: vanno dai carabinieri e denunciano.

Ricomincia l’anno. Alessandra cambia scuola, i carabinieri iniziano le indagini. Dopo qualche mese e dopo un’audizione protetta della minorenne, depositano un’informativa che convince il pm di Roma Stefano Pizza a chiedere i domiciliari per la professoressa. Ieri l’insegnante è stata rintracciata proprio nelle Marche.

I militari hanno sequestrato il suo cellulare: il sospetto è che ci siano altre studentesse che sono cadute in quella stessa trappola, che quello usato con Alessandra fosse un canovaccio andato in scena già altre volte”, si legge su ‘La Repubblica’.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale 

Leggi anche:
Lamorgese: “Crisi tunisina non può essere gestita da Italia. Ecco cosa faremo in queste settimane”

Incidente sulla Torino-Savona, scontro fra tre auto: sei feriti, due sono bambini. Traffico in tilt

Lotito contro Ventura: “Pezzo di m***a, matto. Ha rovinato tutto” – VIDEO

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com