Home » Riccione, vittima di un incidente viene filmato da una diretta facebook
Cronaca Italia News

Riccione, vittima di un incidente viene filmato da una diretta facebook

A Riccione riprende l’agonia di una vittima di un incidente sui social, “chi vede la diretta chiami i soccorsi”

Mentre la vittima di un incidente stradale era a terra, lui con il telefonino si è connesso a Facebook e ha iniziato a trasmettere la diretta dell’agonia, commentando: “Chi mi segue chiami aiuto!” e “C’è sangue, speriamo si salvi”.
L’agonia e la morte di un ragazzo di 24 anni diventano una diretta Facebook. Succede a Riccione, ieri mattina, poco dopo le quattro. Simone Ugolini, a pochi metri da casa, cade dal motorino e si schianta contro un albero.
Lui è lì, sull’asfalto, agonizzante, in attesa che i soccorsi arrivino e tentino di salvarlo. Ma tra chi si ferma, sulla carreggiata di viale Veneto, per cercare di aiutarlo, c’è anche chi estrae lo smartphone, lo filma, senza preoccuparsi di chiamare immediatamente i soccorsi. Lo riprende mentre sta esalando gli ultimi respiri, lo fotografa e poi posta tutti i filmati su Facebook. In diretta. La morte va in scena, attimo dopo attimo, in una macabra telecronaca ‘live’.
«Se guardate questa diretta, chiamate i soccorsi», è la frase che rimane impressa a chi guarda il video. L’autore del filmato aggiunge altri particolari: «C’è sangue, speriamo si salvi» e altro ancora. Tutto in nome di qualche like, di qualche condivisione. A postare i video e le foto di quella morte è un altro riccionese, poco più grande di Simone. L’autore del video, come riportano quotidiani locali, si chiama Andrea Speziali, ha 29 anni, esperto d’arte e candidato alle ultime elezioni comunali. Sui social è stato bersagliato di critiche e insulti. “Mi hanno detto che avevano già chiamato i soccorsi”, ha detto poi – riferisce Il Resto del Carlino – spiegando di essere rimasto “sconvolto, sotto choc” e di aver voluto “far qualcosa per quel giovane a terra”. “Mi sono messo a filmarlo e volevo fare una diretta, volevo condividere il mio dolore. Non cercavo lo scoop – ha aggiunto – ora ho capito di aver sbagliato e chiedo scusa a tutti”.
Intanto ieri la polizia stradale, insieme con quella postale, hanno sequestrato tutti i video e le foto ‘incriminate’, chiudendo anche il profilo della vittima. Tutto il materiale finirà in procura e oggi il magistrato dovrà decidere se aprire un’inchiesta a carico dell’autore. Le ipotesi di reato vanno dal procurato allarme, alla diffamazione degli operatori del soccorso, alla violazione della privacy dei parenti del defunto.

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com