Home » Selvaggia Lucarelli: “Mi accusano di cercare la polemica, la realtà è una. Lite Todaro? Preparata da lui”
Televisione

Selvaggia Lucarelli: “Mi accusano di cercare la polemica, la realtà è una. Lite Todaro? Preparata da lui”

Selvaggia Lucarelli parla ai microfoni de’I Lunatici’ format notturno in onda sulle frequenze di Rai Radio 2:

Selvaggia Lucarelli parla del suo rapporto con la notte: “E’ un momento fantastico per chiunque dipende dai social network e sente che tutto il mondo è spento. Per cui può tornare a fare le cose che si facevano prima. Vedere un film, leggere un libro, fare l’ amore. Insomma, queste cose qui che non si usano più. Tu pensi che anche gli altri spengano tutto e ti senti legittimato a farlo, è una specie di cortocircuito”.

La giornalista rivela un retroscena relativo alla nascita del suo blog: “Me lo ha regalato un mio amico il giorno del mio compleanno. Era il 2001, non l’ ho neanche voluto io. È stato come aprire un pacchetto, da lì ho iniziato a scrivere. Molti lo maledicono ancora, se mi avessero dato un’ arma avrei fatto meno morti”.

Selvaggia Lucarelli spiega che tipa era da bambina: “Mi hanno chiamato Selvaggia anche perché sono nata con dei capelli bruttissimi, neri. Sembrava me lo potessi meritare quel nome, ma sicuramente non lasciavo presagire un carattere così di merda. Da bambina molto educata e moderata. A scuola bravissima, un po’ polemica con i compagni. E una secchiona. Al liceo ero molto carina e tanto studiosa: la classica insopportabile.

Avevo già i miei haters, ma per fortuna non c’ erano i social e sono sopravvissuta alla mia adolescenza. La ferocia dell’ adolescenza, la competizione, il compagno più bravo, carino e dotato che ti sta sulle scatole solo per quello, c’ è sempre stato. Solo che prima c’ era la scritta sul banco o una spinta nel corridoio, adesso invece ci possono essere migliaia di ragazzi che ti insultano su un social network. Oggi gli strumenti sono molto più pericolosi”.

Selvaggia Lucarelli parla anche del rapporto con il figlio, in maniera anche ironica: “Ora c’è la privacy sulla sua vita, appena scrivo qualcosa il giorno dopo c’è un compagno di scuola che va a dirglielo. Ha il suo momento ribelle, è uno che racconta un sacco di palle con il viso e il volto da angelo. Dite che l’ abbiamo fatto tutti? E ho capito, tutti tranne mio figlio lo possono fare.

La cosa stupefacente è che pensi di conoscere tutto di tuo figlio, poi ti svegli la mattina e lo scopri capace di cose che non avresti mai pensato. Tipo ti chiama la scuola e ti chiede se hai firmato tu la verifica in cui ha preso 4 in matematica. Fa le firme false. Come madre sono una sorpresa per me stessa. Pensavo che sarei stata molto intransigente, mentre con lui faccio molta fatica a gestire la questione punizioni. Cerco sempre di dargli un’ altra occasione”.

Immancabile la parentesi ‘Ballando con le stelle‘: “Non so perché quest’ anno funzioni meglio degli anni scorsi. E’ un anno eccezionale. Non so se è Razzi che porta bene: con certi look è il nostro David Beckham. Gli mancano solo le unghie pittate e l’ orecchino. E’ stato una sorpresa, si è messo molto in gioco, divertendosi e ha facendo divertire anche noi. Io spesso vengo accusata di cercare la polemica, la realtà è che sono tutti molto sulla difensiva e quindi qualsiasi cosa dica viene presa come lesa maestà. E poi ci sono ballerini e concorrenti che aspettano il pretesto perché sanno che la discussione con me poi dà luce.

Ma quando me ne accorgo solitamente non mi diverto molto. Ci sono stati concorrenti genuini, altri un po’ costruiti, un po’ artefatti. Mi piace di più la litigata figlia di una scintilla improvvisa. Il concorrente più genuino? Asia Argento. Lei non aveva un copione, era un po’ una scheggia impazzita. Altri sono un po’ costruiti.

Per esempio l’ultima litigata, quella con il ballerino Todaro, era evidentemente una cosa che lui si è preparato da casa, perché la settimana prima gli avevo detto che loro coppia era anonima, insipida, e che lui quest’ anno è un po’ sottotono. Aveva avuto una settimana per caricarsi, portare la fionda e lanciare il sasso, ma si capiva che non sapeva cosa dire. Quando non sai argomentare si vede che hai solo voglia di litigare. Ma per litigare con me bisogna avere un po’ di preparazione”.

Selvaggia  Lucarelli parla anche delle condizioni di salute del maschio italiano: “Si dice da qualche decina di anni che sia in crisi. Ma è come tutti i maschi del mondo, molto comodo, seduto davanti al computer o a smanettare sul cellulare, pensando che oggi sia tutto più facile, che lanciare gli ami faccia sì che la pesca sia più abbondante senza doversi troppo scomodare. In questo momento vince il maschio che ha abitudini antiche, quelle di citofonarti, cercarti, chiamarti. Che vuole essere presente fisicamente e vocalmente, senza filtri, senza chat. L’ultimo uomo che mi ha conquistato, quattro anni fa, lo ha fatto aspettandomi sotto casa, non mandandomi le emoticon in chat”, le sue parole riportate da dagospia.

Infine, chiosa sulla condizione delle donne: “La parità è ancora una grossa fregatura. Noi donne abbiamo molti più diritti ma abbiamo conservato tutti i doveri, senza dividerli con nessuno. Abbiamo conquistato un sacco di cose, ma in molti settori le donne nei ruoli di comando ancora non esistono. Vogliamo contare i direttori di giornali donna?”.

Sullo stesso argomento:
Selvaggia Lucarelli: “La De Girolamo a Ballando con le Stelle fa acrobazie per sembrare simpatica e umile, altri politici…”

Potrebbe interessarti anche:
Selvaggia Lucarelli rivela: “Sono stata anch’io vittima di un ricatto. Così me la sono cavata”

 

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com