Home » Barbara Palombelli: “Avevo un sogno e sono riuscita a realizzarlo. Io donna di potere? Mi diverto a raccontarlo…”
Spettacolo

Barbara Palombelli: “Avevo un sogno e sono riuscita a realizzarlo. Io donna di potere? Mi diverto a raccontarlo…”

Barbara Palombelli ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di gay.it

Barbara Palombelli ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di gay.it

Cosa l’ha spinta a mettersi così a nudo, Barbara?
“Avevo già scritto una prima biografia, vent’anni fa, ma mancava l’impegno televisivo e, soprattutto, l’adozione di Monica e Serena. È un libro che mi permette di dire grazie a tutte quelle persone che mi hanno supportata negli anni, ma anche a tutte quelle che mi hanno sbattuto la porta in faccia. È grazie a loro se oggi ho tutta questa forza. A ogni modo, la spinta vera e propria arriva dalla proposta dell’editore Manuela Galbiati. Una proposta molto affettuosa”.

Nel libro scrive di non essersi mai chiesta, negli anni, se fosse una donna felice.
“Credo che la felicità si capisca solo dopo averla persa. Ogni tanto penso che avrei potuto vivere altre mille vite. Sono una donna molto curiosa. Qualche volta sogno di vivere in America. Un Paese immenso, che ho amato e studiato tanto”.

Oggi lo è?
“Felice? Mi creda, vado talmente tanto di fretta, che non ho nemmeno il tempo di chiedermelo. Anzi, ora non lo sono affatto. Camilla, uno dei nostri cani, è morta pochi giorni fa. Siamo tutti tristissimi. Nel dorso di copertina ci sono i quadri della pittrice Lucilla Bollati con tutti i cani dalla mia vita. C’è anche Camilla”.

Una delle protagoniste della sua biografia è l’ansia. Uno stato psichico, mai come oggi, comune a molti.
“Sì, anche in casa mia. Ne soffrivano mio padre e la nonna paterna, ma noi ci abbiamo sempre scherzato su. Mia madre invece non la conosce. Non sa proprio cosa sia. Beata lei”.

È più difficile riconoscerla, combatterla o conviverci serenamente?
“Va usata come energia propulsiva per fare meglio. Io, almeno, la uso così”.

Nel libro non mancano le calunnie che l’hanno accompagnata in tutti questi anni. Le hanno dato della “palazzinara” e della comunista col Rolex.
“Pazienza. Peggio per loro. Le calunnie, purtroppo, le subiscono tutti quelli che sono in vista”.

Fanno così rabbia, i soldi, in Italia, Barbara?
“Guardi: i soldi, stavolta, non c’entrano proprio nulla. Certe calunnie servivano a colpire mio marito quando era sindaco di Roma. E inventavano, inventavano e inventavano. Inventarono addirittura che, assieme a Maria De Filippi, gestivo i parcometri in giro per la capitale”.

La scelta di raccontarsi in un libro, a ridosso dell’ingresso di Serena, sua figlia, nella Casa più spiata d’Italia, è stata casuale?
“Certamente! Il libro era stato scritto molti mesi prima”.

Soddisfatta del percorso televisivo di Serena?
“Molto. È stata fantastica. Al contrario di quel che si può pensare, per Serena, era una prova dura e difficile quella da superare”.

Quando è tornata a casa qual è stata la prima cosa che le ha detto?
“Era euforica e contenta, ma non è tornata a casa. Sono oramai cinque anni che non vive più con noi”.

Per certi critici e per molti suoi colleghi, il Grande Fratello è materia incandescente. Trash.
“Ho seguito la prima edizione per Stream Tv e, in tutta sincerità, lo trovo ancora oggi un grande spettacolo sul presente. Non seguo tutte le puntate, lo ammetto, ma guardandolo trovo sempre qualcosa di interessante”.

Perché allora, rifiutò la proposta Mediaset di condurlo?
“Ero davvero troppo stanca, a fine stagione, per prendere il timone di una portaerei”.

GF a parte, un reality show, lei, lo condurrebbe mai?
“Perché no?”.

La stagione televisiva è quasi giunta al termine. Con Forum e il suo sportello raggiunge risultati sorprendenti. Con Stasera Italia, invece, si difende bene. Soddisfatta?
“Molto. Mai come quest’anno, abbiamo avuto risultati davvero importantissimi”.

A Settembre torneranno tutti e tre, o si dedicherà solo al consolidato Forum?
“Vedremo. Stiamo valutando in questi giorni il rinnovo del mio contratto che scade, tra l’altro, fra pochi giorni”.

Lei è la donna dei record: quasi 24h in video, dal lunedì al sabato. La sovraesposizione, nel suo caso, non crea antipatie o invidie. Di chi è il merito?
“Guardi: Forum ha un suo pubblico da 34 anni ed è, a distanza di così tanto tempo, ancora un programma amatissimo. Il serale, invece, mi ha riportato alla professione di tutta la mia vita, il cronista politico”.

A settembre scorso, a ridosso della partenza di Stasera Italia, disse: “La nuova stagione politica è piuttosto interessante, anche per quanto riguarda l’Europa.” È ancora della stessa idea?
“Assolutamente sì. In autunno ci saranno grandi novità, quando le istituzioni europee prenderanno la forma definitiva”.

Per il nostro Paese, invece, che futuro prevede?
“Sono ottimista. Spero che i giovani prendano in mano il Paese e lo facciano crescere. Io non tifo e non tiferò mai per lo sfascio”.

L’idea di scendere in politica le è mai passata per la testa?
“Mai!”.

Non vorrà farmi credere che non le sia mai stata proposta, vero?
“Tutti sanno che non accetterei mai”.

Lei è una donna di potere, Barbara?
“No, però mi diverto a raccontarlo”.

Potere a parte, lei per sua stessa ammissione è una domatrice di figli. A questo punto, visto che ne ha quattro, ci dica come li ha domati..
“Continuo ogni giorno a fare prediche infinite e i miei figli, mi creda, sono esausti. Il libro, in fondo, era anche un modo per chiedere scusa a loro”.

Ha adottato tre bambini, pur avendone già uno. Cos’è che l’ha spinta, assieme a suo marito, ad allargare la famiglia?
“Era un sogno che avevo e che sono riuscita a realizzare”.

Sarebbe favorevole alle adozioni alle coppie dello stesso sesso?
“Valutando caso per caso, andrebbero equiparate alle coppie eterosessuali. La legge sulle adozioni è severa, ma giusta”.

Salvini e Di Maio non saranno della sua stessa idea…
“Sono giovani e moderni, al di là delle loro dichiarazioni a volte un po’ antiche. Confido nelle loro compagne. Sono sicura che loro la pensano come me”.

Pensa che il nostro Paese sia pronto ad un passo come questo?
“Ci arriveremo. Molte coppie omosessuali sono famiglie accoglienti e piene di amore”.

BARBARA PALOMBELLI INTERVISTA 
Il titolo del suo libro è ‘Mai Fermarsi’. E se invece le chiedessi di fermarsi e di guardare al futuro, cosa vede?
“Le vacanze. Nient’altro”.

Sullo stesso argomento:
VIDEO – Barbara Palombelli e le figlie adottive: “Una storia miracolosa. Serena al Gf? Francesco non voleva…”Barbara Palombelli su Serena Rutelli: “L’ho salvata da un padre biologico violento e pericoloso…”
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com