Home » Simona Ventura: “Sanremo fu difficilissimo. Perché le case discografiche volevano distruggere la kermesse”
Televisione

Simona Ventura: “Sanremo fu difficilissimo. Perché le case discografiche volevano distruggere la kermesse”

Simona Ventura ospite di La mia Passione su Rai3

Simona Ventura è intervenuta nel corso del programma di Rai 3 La mia Passione in cui ha raccontato la sua carriera. Dal primo provino Rai del 1987 come valletta per la trasmissione di Magalli Domani sposi al più recente The voice of Italy. la Ventura è una vera e propria colonna della tv italiana. Famosissimi i suoi programmi Mai dire Gol con la Gialappa’s, fino a raccogliere l’eredità di Fabio Fazio a Quelli che il calcio, che ha condotto per dieci edizioni.

Simona ha anche condotto il Festival di Sanremo del 2004, ricordato come l’unica edizioni in cui le major discografiche decisero di non prendere parte alla manifestazione. “C’era una volontà delle case discografiche di distruggere la kermesse. Non avevano mandato nessun cantante, erano tutti ragazzi, quasi tutti sconosciuti o fuori dalle case discografiche. Marco Masini, che vinse con l’Uomo volante, era fuori dalla casa discografica in quel momento”.

tra i nomi meno popolari si ricordano su tutti Stefano Picchi, Veruska, Danny Losito, Mario Rosini e Linda Valori, con quest’ultimi due saliti sul secondo e terzo gradino del podio. “Fu un antesignano di quello che sono oggi i talent, col senno di poi viene riconosciuto come molto innovativo”. Aggiunge la Ventura, per nulla pentita di aver accettato la conduzione del Festival. “È stato un treno che è passato e che ho preso chiudendo gli occhi. Sapevo che non sarebbero state tante le occasioni. Sanremo ti dà la patente di conduttore, anche se è stato un Sanremo veramente molto difficile, difficilissimo”.

 

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com