Home » Corinne Clery si racconta: “Rimasi chiusa dentro lo sgabuzzino a causa di Dalila Di Lazzaro…”
Cinema Spettacolo

Corinne Clery si racconta: “Rimasi chiusa dentro lo sgabuzzino a causa di Dalila Di Lazzaro…”

Corinne Clery racconta aneddoti inediti della sua carriera

Corinne Clery, 69 anni, una delle attrici più amate del cinema italiano ha rilasciato un’intervista al Il Giornale OFF in cui racconta degli aneddoti della sua carriera. “Roger Moore? Fantastico, era un amore, un signore. Aveva una moglie italiana meravigliosa che si chiama Luisa, aveva un figlio di una decina d’anni, stavamo spesso insieme in giro per il mondo a New York, a Los Angeles. Ho fatto tutte le prime del mondo, metà con lui e metà con Richard Kiel”.

L’attrice è stata la protagonista di Histoire d’O, girato nel 1975. “Il set era una grande famiglia molto carina, infatti Just Jaeckin, il regista, è ancora oggi un mio grande amico. Non c’era tutto il morboso che si vede nel film, tutti i primi piani e le scene si facevano in quattro, io, l’operatore, il regista e il cameraman. Nessuno sbirciava, il grosso era in primi piani, oppure in piani lunghi o in piani sequenza. Scene di sesso non ce ne sono, oppure sono quelle che si possono immaginare. Non era poi così difficile, in fondo ero sempre nuda da ragazza, da noi a Saint Tropez andavo in spiaggia nuda anche con mia mamma. Perché in Francia c’è un’altra mentalità, non c’è la morbosità. Oggi mi copro – anche se potrei ancora permettermi di spogliarmi – però per dignità e per eleganza quando gli altri si spogliano io mi copro, già da tanti anni…”.

Un altro aneddoto che l’attrice racconta è legato al provino fatto per il film del 1975 Histoire d’O. “Al mio primo provino per “Histoire d’O” andai a Parigi dopo due mesi di suppliche da parte della produzione, volevo comprare delle scarpe nuove, tanto mi pagavano tutto…  Ho pensato vado, faccio dieci minuti di provino, mi compro le scarpe, sto un weekend a Parigi, è tutto meraviglioso… Non avevo la minima intenzione al mondo di fare quel film! Invece quel provino è durato tutto il giorno, non mi facevano più andar via! Alle 7 di sera suonano alla porta dello studio, tutti hanno un lampo di genio, ricordano l’appuntamento e mi chiudono nello sgabuzzino, perché entrava il Signor Carlo Ponti con una signorina sconosciuta – Dalila Di Lazzaro – per farle firmare il contratto. E invece non l’hanno voluto firmare, io sono rimasta mezz’ora nello sgabuzzino a sentire tutto. Anche molto imbarazzata perché non avevo intenzione di fare il film, ma non mi volevo far vedere. Hanno passato il weekend a convincermi, poi l’ho fatto! Avevo 25 anni e un figlio di 6 anni e mezzo! Sono precoce in tutto, io!”

 

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com