Home » Joker, Joaquin Phoenix: “Per inventare la risata tragica sono impazzito. Il film ha un messaggio…”
Cinema Spettacolo

Joker, Joaquin Phoenix: “Per inventare la risata tragica sono impazzito. Il film ha un messaggio…”

Joker, Joaquin Phoenix: “Per inventare la risata tragica sono impazzito”, l’attore statunitense parla del film in una lunga intervista riportata da ‘Il Giornale’

Joker, Joaquin Phoenix: “Per inventare la risata tragica sono impazzito. Il film ha un messaggio…”. L’attore statunitense parla del film in una lunga intervista riportata da ‘Il Giornale’

Joker Joaquin Phoenix.
«Quando il regista mi ha proposto la parte ho pensato: no, non c’è proprio verso che lo faccia. Non so nulla di fumetti, io. Poi ho compreso la prospettiva unica e coraggiosa di Todd Phillips. Seguiva il suo istinto e mi piaceva, mi piaceva la sua empatia nei confronti di Arthur Fleck».

Qualcosa che esulava dai fumetti.
«Esatto. Mi ha affascinato l’idea che quasi nulla di quello che avremmo raccontato sarebbe stato preso dai fumetti. Il regista aveva la sua visione e, anzi, io temevo di contaminarla».

Al contrario, ne è venuto fuori un personaggio tragico, un uomo preso a calci dalla vita, uno psicolabile abbandonato dai servizi sociali.
«E pensare che adoro ridere più di qualsiasi altra cosa. Non è mia ambizione battermi il petto e piangere per guadagnarmi da vivere».

Joker Joaquin Phoenix invece, anche quando ride, Arthur Fleck fa soffrire.
«L’idea di quella risata tragica è stata una delle prime del regista. Voleva che Arthur fosse oppresso da una risata incontrollabile, non sintomo di gioia ma, al contrario, di dolore e sofferenza fisica».

Porta perfino in tasca un biglietto, che porge a chi si offende: «Soffro di un disturbo… non abbiatevene a male».
«Non ero convinto di riuscire a rendere quella risata, così ho invitato il regista a casa mia, per provarla. Lui si è seduto sul divano e io mi sono piazzato davanti a lui. Mi ci sono voluti vari minuti prima di trovare la risata giusta. Temevo che, se avessi sbagliato, avrei poi sviluppato una qualche memoria muscolare che mi avrebbe riportato sempre lì, a quel primo errore. E quindi immaginate la scena: Todd seduto davanti a un pazzo che per un periodo piuttosto lungo tenta di produrre una innaturale risata. Dopo un po’ mi sono accorto dell’imbarazzo nei suoi occhi. Era veramente a disagio. Continuava a ripetermi che non era il caso che continuassi, e io invece insistevo».

L’ha lasciato andare?
«Sì, ma davvero trovare la risata giusta è stato molto più difficile di quanto immaginassi».

Il Joker piace da sempre. Cos’è che affascina così tanto di lui?
«Non lo so. Non so se piace a tutti per lo stesso motivo. Secondo me no. Ognuno di noi trova in lui qualcosa di affascinante e di diverso».

La sua opinione è cambiata ora?
«Io non ho mai letto i fumetti, quindi non è che lo conoscessi così bene prima. Quando abbiamo girato la prima scena in cui spuntava il Joker ero spaventato, poi tutto è diventato più facile. Anche tornare a indossare i panni di Arthur, dopo, è stato diverso, avevo più compassione per lui».

Il Joker è il risultato della malattia di Arthur. Come avete affrontato il rischio di dipingere come pericolosa la malattia mentale?
«Io, più che la malattia, in Arthur vedo il disagio, risultato di prolungati traumi, famigliari e sociali, e ci vedo un mondo e una realtà sanitaria che non sa come comunicare con questi disagi, allora prescrive medicine».

Non pensa che questo film abbia anche un forte messaggio politico? Appunto, viviamo in un mondo in cui chi ci governa è più bravo a far assegnare medicinali che a rimuovere le cause del disagio.
«Mi piace che questo film faccia pensare, che sfidi il pubblico a ragionare di politica e società. Credo che siano pensieri differenti per ognuno di noi, ognuno si relazionerà al protagonista in maniera diversa. Non credo che Todd Phillips volesse fare uscire un messaggio così preciso, ma che volesse fare pensare, quello sì, lo credo».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale

Ultima ora:
L’albero delle siringhe vicino alla scuola e al mercato: il caso ad Ancona

Lutto nel mondo del calcio è morto Giorgio Squinzi, patron del Sassuolo

Aereo precipita su un edificio e prende fuoco: almeno 5 morti – VIDEO

Leggi anche:
Entra nel recinto dei leoni e si mette a ballare: follia allo zoo – VIDEO

Cecilia Rodriguez: “Ignazio Moser fa tutto quello che dico io”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com