Home » Giallini: “Dio si è sbagliato quando mi ha tolto mia moglie. Coronavirus non mi cambia ma ho un timore”
Spettacolo

Giallini: “Dio si è sbagliato quando mi ha tolto mia moglie. Coronavirus non mi cambia ma ho un timore”

Marco Giallini, Dio e non solo, l’attore si racconta a ‘La Repubblica’

Giallini: “Dio si è sbagliato quando mi ha tolto mia moglie. Coronavirus non mi cambia ma ho un timore”. L’attore romano si racconta a cuore aperto in una intervista rilasciata ai microfoni dell’edizione romana de ‘La Repubblica’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Ora è tra le mura di casa sua, come tutti. Quante Rome ha conosciuto, fino ad oggi?
«Sono stato in famiglia fino a trent’ anni, zona Salario-Monterotondo, con papà che fabbricava mattoni sulla Tiberina, e che per tirare fuori il latte dalle formiche e non farci mancare niente correva anche a occuparsi di mezzadria da un avvocato.

Omone in canottiera, due pacchetti di Marlboro morbide al giorno, profumo carismatico, papà girava soltanto in motocicletta e io ne ho ereditato la passione con le mie tre Triumph (con una delle quali ho avuto un incidente da 50 fratture), era socialista, leggeva “Paese Sera” o “L’ Unità”, ed era un mito perché quantunque di mentalità semplice, guardava i film francesi e si commuoveva con Godard (lo chiamava Godarde), col “Ragazzo selvaggio” di Truffaut, con Gabin, alla stessa maniera che col “Ferroviere” di Germi. Mamma, donna affascinante pure lei, s’ è sacrificata sempre, finché ha vissuto, per noi quattro fratelli».

Poi lei s’ è reso indipendente…
«Continuando a preferire un posto lontano dal centro. Quando ho sposato Loredana mi sono trasferito tra Talenti e Tor Lupara. Com’ è cambiato il mondo, le due volte che è rimasta incinta. E i piaceri che provavo accanto a lei, quando come Conrad potevo dire “Guardo fuori dalla finestra e sto lavorando”. Dio con lei s’ è sbagliato, quando me l’ ha tolta di colpo nel 2011.

Ma ho la fortuna d’ avere due figli che sono i miei più grandi amici, Rocco di 21 anni e Diego di 14. Con noi abitano mio cognato e la moglie. La cosiddetta notorietà m’ aiuta a non muovermi troppo di casa. Quindi gli obblighi per il coronavirus mi tengono lontano dal lavoro ma non mi cambiano l’ esistenza, mentre sono preoccupato per le perdite, le sofferenze, il campare male di molti».

L’ improntitudine, la caratterialità da ‘soliti ignoti’ di Rocco Schiavone & C a cosa si devono?
«I miei genitori non avevano frustrazioni, m’ hanno trasmesso dignità. Io non mi sono mai drogato ma molti miei coetanei si sono rovinati con gli acidi, ho perso una quarantina di amici per l’ eroina. Io partivo di testa per le discoteche, per “London Calling” dei Clash, per gli Who, i Sex Pistols, e suonavo con la mia band Sandy Banana & The Monitors».

[…] A chi somiglia? Chi apprezza?
«M’ attribuiscono spesso, gli altri (sottolineo: gli altri), qualcosa in comune con Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Aldo Fabrizi. Ma io che ne so?! Se dovessi dire chi stimo, nominerei Toni Servillo, Mickey Rourke, Pierfrancesco Favino, e l’ elenco sarebbe lungo, senza comprendere Valerio che è padrino di uno dei miei figli».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale

Ultima ora:
Lecco, festino abusivo finisce in tragedia: due giovanissimi morti per overdose

Ansia e stress da coronavirus, attivo il numero verde per il sostegno psicologico: le info.

Rc auto e coronavirus, crollo incidenti e risarcimenti: lockdown regala somma record alle compagnie

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com