Home » Antonello Venditti: “Silenzio? Non ho parlato per un motivo. La Politica ha pregiudizi verso la musica”
Spettacolo

Antonello Venditti: “Silenzio? Non ho parlato per un motivo. La Politica ha pregiudizi verso la musica”

Antonello Venditti e il silenzio, l’intervista a Vanity Fair

Antonello Venditti: “Silenzio? Non ho parlato per un motivo. La Politica ha pregiudizi verso la musica”. Il cantautore romano parla della crisi causata dal Covid in una intervista ai microfoni di Vanity Fair. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Questo silenzio mette un po’ paura.
«Non ho parlato e non mi sono fatto vedere per tanto tempo perché a volte per fare rumore e accendere un faro nel buio devi saper tacere».

[…] Cosa si aspetterebbe?
«Che qualcuno capisse che la musica è cultura e che le persone che grazie alla musica vivono sono lavoratori di quel mondo. Servono leggi e invece tra le dita restano solo slogan e promesse. Partecipo a convegni sul tema da quarant’anni e se mi guardo indietro scopro che non è cambiato niente».

Come mai, secondo lei?
«I politici non capiscono. È come se ci fosse qualcosa che impedisce loro di entrare nel meccanismo. Forse non sono mai stati a un concerto: bisognerebbe invitarli, ma non la sera stessa dell’esibizione».

Quando allora?
«La notte prima, quando si montano i palchi e vedi gente che si alza a 40 metri da terra per sistemare le luci e centinaia di persone che lavorano all’allestimento del palco, degli impianti di amplificazione e dei camerini. Un conto è andare comodamente a un concerto da spettatore, altro è osservarne la preparazione dietro le quinte».

Per il primo maggio si era spinto a chiedere una giornata di silenzio per tutelare i diritti dei lavoratori dello spettacolo.
«L’ho fatto perché non riesco a immaginare una vita senza musica, una scuola senza musica, un universo senza musica e perché so che per queste persone, quelle che ci aiutano ad ascoltarla e a farla ascoltare, le tutele non esistono. È un comparto invisibile. Non è preso in considerazione e non è calcolato. Penso che a volte l’assenza sia più efficace della presenza».

Antonello Venditti: “Silenzio? Saper tacere fa più rumore”

Come mai?
«Perché il silenzio pesa di più di un triste concerto per i diritti negati in cui poi il merito delle questioni sollevate cede regolarmente il passo al chiacchiericcio inutile sulle star. Leggi i giornali e trovi le solite cose: “Quello ha suonato bene”, “Quello è vestito meglio”, “Quello è invecchiato”, “Quell’altro ha cantato, ma si vedeva che aveva bevuto”. Da esibizioni di questo tipo, consessi che servono più al gossip che alla sostanza delle cose, mi sono sempre tenuto lontano. Per questioni del genere, al limite, meglio dei buoni avvocati. Sa cosa ho detto ad alcuni giovani colleghi che hanno partecipato al primo maggio? “Se sei andato facendoti pagare sei un crumiro, se hai suonato senza farti pagare invece sei un coglione”. È il momento di fare altro: di gesti simbolici che spieghino a chiare lettere che questo è un lavoro. Come le dicevo, i politici da soli non lo capiranno mai. Per loro la musica è un diversivo per far cantare la gente sui tetti, per tenere buoni i ragazzi con gli appelli dei volti noti, per agitare la retorica dei buoni sentimenti, per dire andrà tutto bene».

Non andrà tutto bene?
«Ma dove cazzo le sembra che vada tutto bene? Va bene per le persone che lavoravano con i concerti e ancora non sanno come, quando e se potranno ricominciare? O per quelle che sono state abbandonate senza lo straccio di un sussidio?».

Come mai la politica non si occupa della musica?
«È una diffidenza che nasce da un pregiudizio. Ricorda quel ministro che diceva che con la cultura non si mangia? Per alcuni politici noi siamo strafortunati: qualcuno ancora ci batte le mani mentre a loro tirano i pomodori. Sembra che dicano: “Ma che cosa volete dalla vita voi che avete tutto a iniziare dagli applausi? Non vi dovete lamentare, ma essere allegri”. Purtroppo chi non riesce a pagare le bollette o a fare la spesa tanto felice non può essere».

Antonello Venditti: “In silenzio perché a volte fa più rumore”

Ha nostalgia dei primi tempi?
«Non ho nostalgia per quei tempi e non ho nostalgia per nessun tempo: vivo il tempo in cui vivo, penso al futuro e mi piace molto più quest’epoca rispetto a quella che ho trascorso prima, anche perché è stato il passato a permettermi di essere quello che sono oggi».

Il passato è un inganno?
«Prenda Sotto il segno dei pesci. È una canzone attualissima e i ragazzini infatti la leggono per quello che è: una canzone contemporanea. I miei coetanei invece non hanno fatto un salto interpretativo, sono rimasti alla loro età dell’oro e ti dicono “le canzoni vecchie mi ricordano i migliori anni della mia vita”. Io credo che le canzoni siano tutte senza tempo: è la forza del racconto poetico a renderle immortali».

Si è mai chiesto quale sia stato il suo ruolo in tutti questi decenni?
«Avere, credo, un ruolo di collegamento tra le generazioni: l’uomo attraversa le età ed è sempre lo stesso».

Lei è del 1949. Che età è la sua?
«Sa che non lo so? Forse l’età dell’imprevedibilità. Di ciò che non conosco e di cui sono ancora curioso. Come cantavo, la vita è una storia fantastica, ma anche se la mia storia è stata molto lunga, bisogna vivere con i piedi nel tempo che viviamo e provare a trarne insegnamento».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale 

Leggi anche:
Chi l’ha visto, 16enne ritrovato dopo otto anni: era uscito per andare a scuola – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com