Home » “Kim Jong-Un è morto ad aprile, video e foto sono vecchie. C’è una prova”: l’indiscrezione
Politica World

“Kim Jong-Un è morto ad aprile, video e foto sono vecchie. C’è una prova”: l’indiscrezione

Kim Jong-Un è morto e il decesso viene mantenuto segreto per un motivo preciso, lo rivela viadellacina.com

“Kim Jong-Un è morto ad aprile, video e foto sono vecchie. C’è una prova”: l’indiscrezione. Vi abbiamo raccontato a più riprese dell’improvvisa scomparsa dai riflettori del dittatore nordcoreano. Notizia che faceva pensare ad una dipartita fisica, poi smentita dal regime con un video che dimostrava invece come il numero uno di Pyongyang fosse ancora in salute. In realtà si tratterebbe di un video fake, costruito al computer per non far uscire la notizia.

È la teoria di alcuni analisti sud coreani, secondo cui Kim Jong Un sarebbe stato eliminato e la Corea del Nord sarebbe in mano ad un governo filocinese. La morte del leader sarebbe tenuta segreta per ragioni di ordine pubblico. Secondo alcune informazioni non ufficiali il leader Kim Jong Un sia stato eliminato nel mese di aprile 2020.

A parlare del mistero sono i collegi del sito viadellacina.com, secondo cui “le immagini e i video del leader usciti dopo quella data non sarebbero altro che animazioni al computer e fotoritocco sulla base dei suoi video e delle sue foto del passato.

La prova? La vera voce di Kim Jong Un non viene più rilasciata al pubblico dall’11 aprile 2020.  I video e le foto false sono facili da produrre, ma falsificare la voce non lo è. Secondo le voci, la Corea del Nord sarebbe ora controllata da un membro dell’esercito, il suo nome è Park Jong Chon.  La rimozione del leader è stata il risultato del fatto che l’esercito detiene il vero potere e ha deciso di trattare solo con la Cina, invece di cercare di aprirsi all’Occidente e agli Stati Uniti.  I colloqui di pace con gli Stati Uniti sono falliti e questo ha indebolito Kim Jong Un che ha investito la sua figura politica nel progetto di pace.

Attualmente la Cina sta aiutando la Corea del Nord con cibo e denaro. Il 16 giugno 2020 la Corea del Nord ha fatto saltare in aria gli uffici di collegamento utilizzati per i colloqui tra la Corea del Sud e la Corea del Sud.  Questa azione è stata condotta in modo drammatico per sottolinearne il significato simbolico.  Anche la regione industriale di Kaesong è stata demolita.  Che cosa significa? La Corea del Nord non farà più accordi con gli Stati Uniti o con la Corea del Sud.  Farà solo accordi con la Cina.

Kim Jong-Un è morto: la rivelazione

Chi ha ordinato queste azioni di demolizione?  Probabilmente Kim Yo Jong, la sorella di Kim Jong Un. Questo è stato necessario perché la Corea del Nord è un paese della dinastia Kim.  Se la notizia di una presa di potere militare diventasse pubblica ci sarebbero disordini civili, e forse anche una guerra civile.

Qualche giorno fa i media nordcoreani hanno annunciato che Kim Jong Un ha partecipato a una videoconferenza con le unità militari, ma nessuna parte dei video è mai stata resa pubblica.  E naturalmente neanche la sua voce, o parti della conversazione.

Non solo la sua voce, ma il leader non ha incontrato nessun politico straniero dall’11 aprile 2020.  A partire da questa data, sono disponibili solo video e immagini del passato.

Nella tradizione dell’Asia orientale, quando un re è morto e il successore è indeciso, la morte del re sarà tenuta segreta per tutto il tempo necessario. E tradizionalmente, i leader dell’Asia orientale non firmano documenti ufficiali come fanno gli occidentali.  Usano sigilli e timbri, rendendo più facile mantenere il segreto della loro morte”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale 

Leggi anche
Firenze, svaligiata casa di Ribery: arrivano i carabinieri

Auto senza assicurazione, arriva la ‘trappola’ Ztl: stangata attraverso le telecamere

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com