Home » Torino, prima ‘spiata’ di un delatore: carabinieri a casa del vicino per sospetto assembramento
Cronaca

Torino, prima ‘spiata’ di un delatore: carabinieri a casa del vicino per sospetto assembramento

A Vinovo, nel Torinese, è arrivata la prima spiata di un delatore che ha chiamato i carabinieri perché a suo dire i vicini erano troppi in casa

Torino, prima ‘spiata’ di un delatore: carabinieri a casa del vicino per sospetto assembramento. La prima spiata di un delatore è già arriva. I carabinieri di Vinovo sono infatti stati avvertiti da uomo secondo cui i suoi vicini stavano festeggiando violando le regole sugli assembramenti dell’ultimo Dpcm. Secondo il primo delatore, c’erano troppe persone in quella casa.

A darne notizia è il quotidiano ‘La Stampa’, secondo cui, questa prima spiata non ha sortito nessuna punizione. I Carabinieri, prontamente intervenuti, hanno bussato al portoncino indicato dall’informatore e hanno fatto la conta degli invitati. Erano nel limite massimo consentito e pare fossero pure muniti della regolare mascherina.

Nonostante la smentita arrivata dal ministro della Salute Roberto Speranza, alla fine qualcuno si è veramente visto bussare alla porta dai Carabinieri per sospetto assembramento in casa.  Ricordiamo che è vero il numero di massimo 6 ospiti. Ma, appunto, parliamo di ospiti, quindi nel conteggio non vanno aggiunti i componenti convinventi del nucleo familiare.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra Pagina ufficiale

Leggi anche:
Far west a Reggio Emilia: sparatoria in pieno centro tra ragazzi – VIDEO

Canino attacca Mussolini: “Hai detto quella frase, chiedi scusa!”

Coronavirus, Antonio Ricci ricoverato all’ospedale di Albenga

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com