Home » Natale col Covid, cenone in 6, tracciamento dei presenti e abbracci vietati: le novità in arrivo
Italia News Salute

Natale col Covid, cenone in 6, tracciamento dei presenti e abbracci vietati: le novità in arrivo

Il Natale col Covid vieterà il cenone con oltre sei commensali, con il tracciamento dei presenti e abbracci vietati

Natale col Covid, cenone in 6, tracciamento dei presenti e abbracci vietati: le novità in arrivo. Ai Cenoni di Natale e Capodanno sarà consentito sedersi a tavola con massimo sei persone e, soprattutto, con tracciamento dei presenti, specie per quelli che potrebbero aver avuto contatti con potenziali positivi nei giorni precedenti.

Evitare baci e abbracci sempre, sia quando si entra in casa, messa di Natale vietata, compresa l’ipotesi di anticiparne la celebrazione di un paio d’ore, e regole uniche per tutta Italia. Sono queste le linee guida sulle festività dettate dagli esperti del Comitato tecnico scientifico al governo. Le novità saranno inserite nel Dpcm che sostituirà il testo in scadenza il 3 dicembre.

Ad anticipare il nuovo Decreto è ‘Il Messaggero’, secondo cui le regole rispondono al “consueto principio di massima precauzione e che riguarderanno – precisa il Cts – anche le regioni gialle”. “Da parte nostra ci sarà pochissimo spazio alle deroghe rispetto alle misure attuali perché se si inizia a fare eccezioni diventa il caos”, aggiungono gli esperti.

Unica eccezione ammessa, riguarderebbe il coprifuoco ma potrebbe essere a tempo. Per i giorni di festa infatti potrebbe essere revocata. “Sarà davvero minima con il limite forse spostato alle 23, o anche addirittura solo alle 22.30. Nulla è deciso. Ma si punta ad una mini-estensione per consentire un ampliamento dei percorsi di vendita” e aumentare gli orari disponibilità dei negozi al fine di evitare gli assembramenti.

Natale col Covid: le novità in arrivo

Le indicazioni saranno nazionali e riguarderanno tutti. Fuori e dentro casa. Circa i festeggiamenti natalizi, gli esperti del Cts aggiungono che e tavolate potrebbero essere consentite ma solo con un massimo di 6 partecipanti (bambini esclusi) ed esclusivamente tra parenti stretti (genitori e figli, fratelli e sorelle), a patto che prevalga il buonsenso.

Ovvero che chiunque sospettasse di aver avuto un contatto con un positivo si tenga alla larga da qualsiasi occasione di socialità effettuando immediatamente un tampone per risalire la catena dei contagi e tracciare tutti i possibili anelli di congiunzione per spegnere il focolaio.

C’è bisogno che l’attenzione sia massima e che le raccomandazioni rimangano le stesse. “Prima di iniziare a cambiare il modo con cui si pensa all’emergenza bisogna aspettare almeno due settimane dopo l’Epifania”. Per il 20 gennaio infatti si teme un nuovo picco. “Se quel picco non dovesse presentarsi, ad esempio si può ragionare sul riaprire gli impianti sciistici”. Gli impianti sciistici saranno riaperti solo in assenza di un nuovo picco di contagi dopo il 20 gennaio.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Caso Fifa, Platini e Blatter di nuovo indagati: le accuse

Crozza-De Luca e l’addio a Maradona: “Cambieremo nome alla Campania” – VIDEO

“Madonna è morta”, in Australia confondono Maradona con la cantante: e la bufala diventa virale

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com