Home » Ficarra e Picone: “Addio Striscia scelta ponderata. Scontro con Ricci? Ecco come stanno le cose”
Televisione

Ficarra e Picone: “Addio Striscia scelta ponderata. Scontro con Ricci? Ecco come stanno le cose”

Ficarra e Picone addio Striscia la notizia: l’intervista a ‘Il Corriere della Sera’

Ficarra e Picone: “Addio Striscia scelta ponderata. Scontro con Ricci? Ecco come stanno le cose”. Il duo comico siciliano racconta i motivi della scelta di lasciare il tg satirico in una intervista rilasciata a ‘Il Corriere della Sera’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Cosa vi ha spinto a questo salto?
«Sono trascorsi 15 anni, nel nostro lavoro ogni tanto ci sta di rimescolare le carte. Era venuto il momento. È una scelta ponderata, che non è arrivata all’improvviso».

Chi tra di voi ha rotto per primo il tabù di parlarne con l’altro?
«È una decisone che è nata e cresciuta nel tempo, come quando scrivi un film o uno sketch per la televisione: alla fine ti dimentichi chi ha avuto l’idea o ha cominciato a parlarne. Ne discutevamo tra di noi e poi ha preso sempre più forma, con leggerezza, tranquillità e già un briciolo di nostalgia che ci pervade».

Antonio Ricci cosa vi ha detto?
«È dispiaciuto quanto noi, ma ha compreso la scelta. Antonio ci ha fatto sentire fin dal primo giorno che Striscia non era casa sua, ma anche casa nostra. Ci ha fatto sentire sempre importanti. Anche umanamente. È sempre stato presente ai nostri debutti teatrali, è venuto a Siracusa per la prima delle Rane di Aristofane, c’era sempre alle prime dei nostri film. Ci ha fatto sentire della famiglia».

Mai uno scontro con lui?
«Mai. Tra di noi c’è sempre stato un confronto aperto, libero, sincero, tranquillo, sereno. Ci ha regalato una grandissima opportunità».

Ficarra e Picone: “Addio Striscia scelta ponderata”

A volte era lui a invitarvi a fare battute più cattive di quelle che avevate pensato…
«La cosa incredibile è proprio questa, di norma si potrebbe avere il problema inverso: tu vuoi dire qualcosa e c’è qualcuno che ti frena. A Striscia con Antonio era proprio il contrario. Antonio è rimasto un ragazzino incosciente e dispettoso».

Cos’è per voi «Striscia?
«Abbiamo sempre inteso Striscia come una repubblica-indipendente dove un gruppo di persone lavora indefessamente per produrre un programma che va in onda ogni giorno, facendo un lavoro immane. Noi ci siamo sempre rivolti agli spettatori chiamandoli cittadini di Striscia, ancora prima che ce lo copiasse Grillo».

Un’immagine per riassumere questi 15 anni di Striscia?
Picone: «Credo che per tutti gli italiani ma per noi siciliani in particolare aver visto Stefania Petyx andare a suonare il campanello della famiglia Riina a Corleone per chiedere spiegazioni sul risarcimento danni che avevano chiesto sia stata una pagina di televisione e impegno civile importante. Lì c’è tutta l’anima più bella di Striscia».

Ficarra: «Mi viene in mente quando abbiamo fatto come un vero telegiornale, dando noi per primi in diretta il risultato delle elezioni dell’ultimo scontro tra Prodi e Berlusconi che era sul filo di lana. I tg avevano chiuso senza la certezza dell’esito e noi fummo i primi a darlo».

Seguici anche su Facebook

Leggi anche:
Luca Bizzarri: “Classifica virologi? Dai, basta così. Asteroide” – FOTO

E’ morto Arturo Diaconale: lutto in casa Lazio per la scomparsa del portavoce

Bruciarono vivo un clochard nel Veronese: condannati all’ergastolo

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com