Home » Cristina D’Avena: “Maradona? Mi ha toccato sapere di quell’episodio. Mai preso droghe! E su Lucio Dalla…”
Gossip

Cristina D’Avena: “Maradona? Mi ha toccato sapere di quell’episodio. Mai preso droghe! E su Lucio Dalla…”

Cristina D’Avena su Maradona e non solo, l’intervista a ‘OFF’ de ‘Il Giornale’

Cristina D’Avena: “Maradona? Mi ha toccato sapere di quell’episodio. Mai preso droghe! E su Lucio Dalla…”. La cantante rivela alcuni retroscena che hanno caratterizzato la sua carriera in una intervista a ‘OFF’ de ‘Il Giornale’.

[…] Il cliché vuole che spesso chi diventa molto famoso in giovane età si possa perdere facilmente in dipendenze. Alcol e droghe ti hanno mai tentata?
“No, assolutamente no”.

Si può dire che riesci a mettere d’accordo tutti nel panorama pop italiano. Com’è nata l’idea di incidere “Duets”?
“Nel 2016 sono andata a Sanremo come Super Ospite e lì ho potuto incontrare tanti artisti della musica italiana che non conoscevo di persona. Era un po’ un sogno quello di poter cantare le mie canzoni con Loredana Bertè, Nek, Arisa, Annalisa, Patty Pravo… Non pensavo di riuscirci, ero convinta sarebbe rimasto un sogno nel cassetto. Invece ce l’ho fatta ed è stato meraviglioso: vedere i miei colleghi cantare le mie sigle ed emozionarsi mentre le cantavano non ha prezzo. Addirittura alcuni si sono litigati dei miei pezzi”. 

Nel corso della tua carriera, sei riuscita a fare coesistere mondi in contrasto come quello dell’infanzia e quello della sensualità.
“Non sono mondi poi così in contrasto. Io canto canzoni per bambini, è verissimo. Però sono una donna eh! E quindi la sensualità fa parte del mio essere. Le cose possono andare di pari passo e non credo che una debba escludere l’altra. L’importante è che non faccia cose strane! Certo non mi metterei a cantare i Puffi nuda: quello si che creerebbe contrasto!”.

Cristina D’Avena: “Maradona? Mi è dispiaciuto non averlo conosciuto”

A proposito di Puffi e nudità… uno dei commenti più ricorrenti sotto le tue foto sui social è “ti pufferei”.
“Spesso scrivono quello e anche “escile!” [ride] Lo so, che devo fa’? Ogni volta che leggo questi commenti rido, e comunque essendo una donna, il fatto che un uomo ti possa fare un complimento mi lusinga. Certo se vanno un po’ oltre è un altro conto, ma dire “ti pufferei” fa ridere perché quando mettono la parola “Puffo” su tutto fa sorridere! Quando mi dicono “escile” rido uguale, perché sono una donna prosperosa e quindi è normale che i ragazzi impazziscano per questo. Poi non ti dimenticare che noi donne allattiamo i nostri bimbi col seno, è una parte del nostro corpo molto materna”.

[…] Cambiando argomento, ti sei sentita abbandonata dal Governo durante questa pandemia, in quanto artista?
“Un po’ sì! Noi siamo stati i primi a chiudere e saremo gli ultimi a riaprire. Siamo una categoria vista dalla politica come “accessoria” e chi ci governa non dovrebbe dimenticarsi che l’Italia è un paese che vive di cultura: arte, danza, cinema, teatro, musica… I miei tecnici non hanno nemmeno la cassa integrazione. Così come un sacco di altri lavoratori dello spettacolo. In molti ormai sono quasi undici mesi senza lavoro e stanno facendo la fame. Mi auguro che questa pandemia inizi a darci tregua, il nostro è un mondo in ginocchio. Spero che al più presto si riesca a vedere la luce per il nostro settore e che si possano riaprire piano piano i nostri teatri, i cinema e iniziare a fare qualche piccolo concerto, perché in questo momento non possiamo fare niente. Voglio evitare qualsiasi tipo di assembramento, però in sicurezza potevamo continuare a fare qualcosa”.

Cristina D’Avena: “Maradona? Mi ha toccato sapere di quell’episodio”

[…] Ci racconti di quest’incontro con Lucio Dalla?
“Lo incontrai a Bologna in Viale Azeglio. Ci abbracciammo, lui mi fece i complimenti e gli proposi di scrivermi una canzone. Lui accettò molto volentieri, ma purtroppo tre mesi dopo da questo incontro ci lasciò. Era una persona di una simpatia incredibile e con un cuore grandissimo: cercava di aiutare sempre i poveri e quelli in difficoltà. Se n’è andato troppo presto”.

A proposito di geni che ci lasciano, qualche settimana fa se n’è andato Diego Maradona. Marino Bartoletti ha ricordato un episodio nel quale El Pibe de Oro aveva chiesto delle tue cassette in regalo.
“Non dimentichiamoci anche del grande Gigi Proietti, che è stato un grandissimo attore che io ebbi la fortuna di conoscere da piccolina, in quanto ospite dello Zecchino. Anche lui era una persona straordinaria. È stato un anno un po’ strano questo per tanti motivi: se ne sono andati tanti artisti come anche Stefano D’Orazio dei Pooh, Gigi Proietti, Maradona…Quando ho saputo che Maradona aveva chiesto come cachet della sua partecipazione a Pressing una mia cassetta da dare ai suoi figli, devo dire che mi ha toccato molto. Mi è dispiaciuto non averlo conosciuto e avergli stretto la mano, mi avrebbe fatto molto piacere”.

Seguici anche su Facebook

Leggi anche:
Vax Day, Conte: “Ecco perché questa data ci rimarrà per sempre impressa”

È morto Brody Lee: shock nel Wrestling per la scomparsa del 41enne lottatore buono

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com