Home » “Vaccino anti-Covid anche a cani e gatti o c’è un rischio”: l’appello dei ricercatori
Animali Salute

“Vaccino anti-Covid anche a cani e gatti o c’è un rischio”: l’appello dei ricercatori

Le varianti Covid spaventano la comunità scientifica, uno studio ipotizza per questo la somministrazione del vaccino anti-Covid a cani e gatti

“Vaccino anti-Covid anche a cani e gatti o c’è un rischio”: l’appello dei ricercatori. La famosa immunità di gregge passa attraverso le vaccinazioni anche di cani e gatti? Si, almeno secondo uno studio condotto dagli esperti di virologia, malattie infettive e genomica dell’Università dell’East Anglia, l’Earlham Institute e l’Università del Minnesota, e pubblicato sulla rivista Virulence.

La minaccia delle varianti, sia emergenti che esistenti (come le varianti del Regno Unito, del Sud Africa e del Brasile), sia quelli che devono ancora venire, preoccupano gli autori dello studio, soprattutto per l’efficacia del vaccino. E avvertono che la continua evoluzione del virus negli ospiti animali, come gatti e visoni, seguita dalla trasmissione in ospiti umani suscettibili, rappresenta un rischio significativo a lungo termine per la salute pubblica.

Quindi, i ricercatori suggeriscono che la vaccinazione di alcuni animali domestici potrebbe essere importante per fermare ulteriormente evoluzione del virus ed eventi di “spillback”, o salto di specie: “Non è impensabile che la vaccinazione di alcune specie animali domestiche possa essere necessaria anche per frenare la diffusione dell’infezione”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa: ipotesi sfida social

Milano, tre riders investiti in 13 minuti: caccia a un pirata della strada

Palermo, blitz antimafia contro 3 clan: 16 fermi

Dimissioni Conte, Il Premier fa un annuncio ai ministri e poi sale al Quirinale: gli scenari

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com