Home » Sergio Rubini: “Margherita Buy? È finita per un motivo. Il Cinema è finito, vi dico cosa accadrà dopo il Covid”
Cinema Spettacolo

Sergio Rubini: “Margherita Buy? È finita per un motivo. Il Cinema è finito, vi dico cosa accadrà dopo il Covid”

Sergio Rubini su Margherita Buy e non solo, l’intervista a ‘Il Corriere della Sera’

Sergio Rubini: “Margherita Buy? È finita per un motivo. Il Cinema è finito, vi dico cosa accadrà dopo il Covid”. L’attore e regista pugliese si racconta tra amori e Cinema in una intervista a ‘Il Corriere della Sera’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Quando ha lasciato la Puglia per Roma?
«A 18 anni. I miei genitori mi avevano fatto viaggiare con loro da ragazzino. Ma non ero mai stato a Roma. Io, da provinciale, pensavo che il centro di Roma fosse la stazione, così con due amici mi ritrovai in via Marsala. La proprietaria era veneta, una ex ballerina di avanspettacolo, una anziana arcigna che ci aumentò la spesa della luce perché, ascoltando musica, diceva che consumavamo troppa corrente elettrica.

Si inventò la tassa sul registratore. Aveva delle camere sfitte, in una stanza c’ era un signore campano che aspettava una donna per sposarsi, in un’ altra un vecchio figurante di Cinecittà. Mi sentivo solo, la proprietaria aveva un barboncino che prendevo per avere compagnia, fino a che me lo negò. Ho passato un anno così, a confondermi con la città e i suoi suoni, per somigliare agli altri».

E poi?
«Mi sono ritrovato all’ Accademia d’ arte drammatica, una specie di college dove si andava al mattino e si usciva la sera. Lì ho capito i meccanismi della città. Era il 1979, la stagione fantastica dell’ Estate Romana di Renato Nicolini. Una città piena di eventi e di luce, ma c’ erano anche i posti di blocco perché c’ era ancora il terrorismo, la fine delle Brigate Rosse. L’ Accademia non la finii (pare che porti male), cominciai subito a lavorare».

Aveva il sacro fuoco?
«Per niente, io detestavo la recitazione e il teatro. Papà, ferroviere, aveva una compagnia amatoriale. Io non realizzai quanto fosse spregiudicato che in un paesino di una Puglia retriva, chiusa, come quella dove sono cresciuto io a Grumo Appula, si coltivasse una esperienza ascrivibile all’ orizzonte beat. A me, al contrario, sembrava una cosa da vecchi parrucconi, che coincideva col mondo degli adulti».

Ma lei cosa voleva fare?
«Volevo suonare. Il piano, l’ organo, a 16 anni volevo fare il musicista rock, mi tinsi anche i capelli color carota come David Bowie. Poi il mio gruppo pensò bene di trovare un altro pianista, più bravo di me, questo mi aiutò a capire che quella non era la mia strada, così, per disperazione accettai la proposta di mio padre e recitai con la sua compagnia Natale in casa Cupiello: facevo suo figlio».

[…] Lei definì Fellini il burattinaio che attaccava al chiodo il burattino-attore dopo le riprese.
«No, anzi, la vera scoperta fu che il più delle volte coinvolgeva le persone che recitavano per lui. Il giorno prima di andare a girare una scena a casa di Anita Ekberg, mi chiamò e mi disse: domani in auto saremo io, tu e Marcellino (Mastroianni, ndr ). Immagino che un giovane attore avrà qualche domandina da fargli. Scriviti qualche battuta. Federico era così con tanti, poi faceva una sintesi. Era il regista della memoria ma gli importava ciò che aveva intorno in quel momento, il presente».

[…] E con Mastroianni come andò?
«Avevo saputo che per I soliti ignoti vent’ anni dopo non mi avevano dato il ruolo perché Mastroianni aveva espresso parere negativo. Dovevo essere suo figlio. Marcello poi mi disse che ero troppo magro, suo figlio, lui, se lo immaginava più cicciottello, non c’ era altro».

Un altro mondo. Ma come vede il cinema post Covid?
«Non esisterà più come lo conosciamo e dovremo prenderne atto per rifondarlo. Il cinema diventerà di nicchia e passerà di moda come i cd. La gente non ha smesso di ascoltare la musica: è cambiato il supporto. Così sarà per il cinema. Che già languiva prima della pandemia. Certo il film in sala rende di più, ma non ci sono più le sale.

Tanti film si stanno producendo e se ne devono smaltire molti: dove si vedranno? Quanto alle serie, sono prodotti sospesi a cui manca la chiusura di un senso compiuto, mentre un film ti impone un ragionamento, ti racconta un mondo. Prodotti sospesi, con la pandemia è tutto sospeso».

Sergio Rubini: “Con Margherita Buy è finita perché eravamo troppo giovani”

[…] Lei ha fatto tanti anni di analisi.
«L’ ho cominciata quando finì il mio matrimonio con Margherita Buy. Intorno ai 40 anni rischiavo di perdermi nella vita da single, forse mi sentivo troppo libero. L’ analisi mi ha aiutato a fidarmi degli affetti e mi ha tolto dalla superstizione Cercavo segni, simboli, avevo lavorato con Fellini, le realtà parallele, il sogno».

Perché finì con Margherita?
«Forse eravamo troppo giovani. Margherita la conobbi mentre recitava a teatro, prima fu un innamoramento artistico. Oggi abbiamo un buonissimo rapporto, non abbiamo problemi quando lavoriamo insieme, è fantastica, è rimasta com’ era, pronta a scherzare e improvvisamente a nevrotizzarsi, poi a ridere e a ricominciare».

Da vent’ anni lei è con Carla Cavalluzzi. Ha girato tanto e Ride.
«E ho trovato la compagna del mio stesso paese, Grumo Appula, quando la mia prima storia la ebbi in Norvegia. Carla è del 1976, ha 17 anni meno di me, è la nipote di una delle migliori amiche di mia madre, frequentava casa mia da piccola, quando era bambina Margherita ci giocava. Moglie e buoi è quasi banale ma è andata così. Scriviamo sceneggiature insieme, abbiamo finito il film sui De Filippo, Eduardo, Peppino e Titina, che va dalla morte del loro padre naturale, nel 1925, alla sera del ’31 quando debuttano in Natale in casa Cupiello , una storia familiare di rivalse, di giovani partiti dalle retrovie. Li racconto come se fossero i Beatles».

Seguici anche su Facebook

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com