Home » Svezia, 169 bambini si addormentano e vanno in coma: è giallo sulla sindrome che colpisce i rifugiati
Cronaca World

Svezia, 169 bambini si addormentano e vanno in coma: è giallo sulla sindrome che colpisce i rifugiati

In Svezia 169 bambini si addormentano e vanno in coma: è giallo sulla sindrome che colpisce i figli dei rifugiati siriani

Svezia, 169 bambini si addormentano e vanno in coma: è giallo sulla sindrome che colpisce i rifugiati. Si chiama “Sindrome della rassegnazione (o uppgivenhetssyndrom)” e sta colpendo i figli dei rifugiati. È un vero e proprio giallo quello che sta accadendo nel Paese nordeuropeo dove, secondo i dati del Comitato nazionale di sanità, negli ultimi dieci anni in Svezia 169 bambini siriani, tutti figli di famiglie richiedenti asilo che si sono viste respingere la richiesta, si sono addormentati di un sonno talmente profondo da durare mesi, anni.

I piccoli prima smettono di interagire con i coetanei e con la famiglia, poi rifiutano di mangiare e parlare, infine cadono in quello che sembra un sonno profondo da cui non riescono più a svegliarsi. I pazienti devono essere quindi alimentati tramite nutrizione artificiale e dipendono completamente dalle cure che ricevono dalla famiglia e dal personale sanitario.

Questo fenomeno accade solo ai bambini siriani, in Svezia. Nessun africano è nelle stesse condizioni, né nessun siriano in un altro luogo del mondo. Prima di addormentarsi, i bambini in questione sono diventati ansioni e depressi: hanno smesso di giocare con gli altri, poi piano di piano di parlare, infine si sono messi a dormire.

Eppure i medici, dopo averli visitati e testati, non hanno trovato nessuna disfunzione che spiegasse il loro sonno. Un mistero che ha provato a indagare la scrittrice scientifica e neurologa Suzanne O’Sullivan, che su questa e altre storie ha scritto un libro dal titolo “The Sleeping Beauties”.

Svezia, 169 bambini si addormentano e vanno in coma

Secondo la neurologa i piccolo sono affetti da una malattia psisomatica, ma non per questo meno reale, anche se il termine è spesso usato in maniera riduttiva, ad indicare un male frutto dell’immaginazione. O’Sullivan crede che questo male, che è stato ribattezzato “Sindrome da rassegnazione”, sia influenzato sia dagli aspetti peculiari delle singole culture che dalla biologia umana.

In Svezia, per esempio, i richiedenti asilo sono stati accolti a braccia aperte all’inizio. Ma, gradualmente, come riporta il Daily Mail, l’atteggiamento è cambiato: l’immigrazione è diventata una questione politica e scottante e i richiedenti asilo che solo cinque anni prima avrebbero ottenuto asilo si sono ritrovati respinti.

I piccoli sono così passati da una sensazione di sicurezza, provata forse per la prima volta in vita loro, alla paura per il futuro: i bambini, senza rendersene conto, si sono difesi come potevano. Uno di loro ha raccontato di essersi sentito dentro a una scatola di vetro con pareti fragili, immersa nel profondo dell’oceano. Se avesse parlato, o si fosse mosso, avrebbe creato una vibrazione e frantumato il vetro. «L’acqua mi avrebbe ricoperto e ucciso» ha detto.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Fedez contro Rai, pubblicata la telefonata con vertici Rai3: lo scontro – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com