Home » Di Fazio, chiesta perizia psichiatrica: “Non è in grado di intendere”
Cronaca

Di Fazio, chiesta perizia psichiatrica: “Non è in grado di intendere”

Di Fazio, chiesta perizia psichiatrica: “Non è in grado di intendere”. I legali dell’imprenditore milanese arrestato con l’accusa di aver drogato e violentato una studentessa 21enne, chiedono una perizia psichiatrica per stabilire se è capace di intendere e di volere.

Gli inquirenti esamineranno le cartelle cliniche relative allo stato mentale dell’uomo redatte durante lo scambio di denunce tra lui e l’ex moglie, ai tempi del divorzio. Lo riporta ‘La Stampa’, secondo cui l’obiettivo è quello di stabilire se le condizioni mentali del manager siano tali da rendere necessario il trasferimento dal carcere a una struttura specializzata, sottraendolo al giudizio penale.

A sostegno della sua tesi, la difesa ha citato alcune dichiarazioni controverse di Di Fazio. Frasi del tipo: “Venivo speronato durante un’operazione antidroga sull’autostrada Napoli-Canosa da un blindato di narcotrafficanti, riportando gravi protrusioni lombari”. Oppure “facevo parte del nucleo scorte dopo il corso conseguito presso il centro Nettuno”.

Di Fazio, perizia psichiatrica chiesta dalla difesa

Sono numerosi gli psichiatri chiamati a pronunciarsi sulla salute mentale dell’imprenditore arrestato, soprattutto durante il suo divorzio dall’ex moglie. Tra le diagnosi più preoccupanti emerge “un’importante difficoltà nel controllo degli impulsi, in particolare nella gestione della rabbia nelle situazioni di intensa sollecitazione emotiva con il rischio di perdita di controllo e di agiti aggressivi”.

In particolare, una perizia del 2010 dipinge il manager milanese come un individuo “infantile, superficiale, che si mostra compiacente, si maschera e enfatizza i racconti con un’adesione stretta al gruppo familiare d’origine, quale gruppo unico”. Un profilo “improntato alla mistificazione, alla grandiosità di sé senza autocritica alcuna” e caratterizzato da “una coloritura di fondo all’insegna dell’artificiosità, anche se esteriormente potrebbe sembrare autentica”.

Di Fazio, l’ex moglie e l’affidamento del figlio

Un altro professionista ha evidenziato invece un “atteggiamento screditante verso la moglie”. Una situazione di forte tensione che ha poi portato alle reciproche denunce di tentato omicidio presentate dagli ex coniugi e successivamente lasciate cadere. Anche gli esami psichiatrici per l’affidamento del figlio, condotti nel 2015, hanno rivelato “una precarietà nella sua capacità di controllo, con rischio di agiti aggressivi, oltre a una tenuta del pensiero non sempre valida”.

“Sempre nel 2015, lo psichiatra Marco Frongillo ha dichiarato che Antonio Di Fazio “in realtà era un millantatore, espressione di una sottocultura e violenza ma da qui a essere un matto, perdonatemi, ma ce ne corre. Non emersero psicopatologie di rango tali da inficiare la capacità di intendere e volere”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Salerno, 26enne trovato morto in casa della fidanzata con ferite da taglio al collo

Maxi rapimento in Nigeria: oltre 100 bambini portati via mentre andavano a scuola

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com