Home » Lucca, falsifica test Dna del figlio per dire che il padre è un ricco imprenditore
Cronaca

Lucca, falsifica test Dna del figlio per dire che il padre è un ricco imprenditore

Lucca, falsifica test Dna del figlio per dire che il padre è un ricco imprenditore. Ha alterato il referto di un test del Dna per convincere il compagno — un facoltoso imprenditore della provincia di Lucca — che quel figlio fosse suo. L’uomo, che sino a quel momento lo aveva cresciuto insieme alla donna ha però scoperto tutto e si è rivolto al tribunale. Dopo la sentenza di primo grado del 2019 a Lucca, pochi giorni fa la Corte d’Appello di Firenze lo ha ribadito: quel bambino non è dell’uomo che lo aveva visto nascere e crescere. Con tanto di ordine da parte dei giudici al responsabile dell’ufficio anagrafe del Comune di residenza del piccolo — che oggi ha circa 4 anni — di rettificargli il cognome.

La donna, originaria di un Paese dell’Europa dell’Est, per il momento è stata condannata al pagamento delle spese processuali, ma, secondo quanto riportato da ‘Il Corriere della Sera’, rischia un’incriminazione penale per aver falsificato l’esito del test. I fatti risalgono all’aprile del 2018. Ai quei tempi il bimbo aveva più o meno un anno di età.

L’imprenditore inizia a sospettare del comportamento della compagna e così, a sua insaputa, decide di far eseguire un test di paternità su se stesso e quello che fino a quel momento ha creduto sia suo figlio. Acquista così un apposito kit, preleva un campione di saliva del piccolo e uno proprio e spedisce tutto a un laboratorio con sede fuori regione. L’esito non lascia spazio a dubbi: le probabilità di paternità risultano pari allo zero per cento.

Lucca, falsifica test Dna del figlio per ingannare il compagno

Anche se ormai giorno dopo giorno ha maturato affetto nei confronti del bimbo, l’imprenditore decide, suo malgrado, di rivolgersi al tribunale di Lucca per chiarire la vicenda dal punto di vista legale. Quindi avvisa la compagna, che però chiede e ottiene dall’imprenditore la possibilità di effettuare un secondo test, prima ancora di rivolgersi al tribunale. Ed è questo l’esame di cui la donna, secondo quanto poi sentenziato dai giudici, falsifica l’esito una volta dopo esserne entrata in possesso, per far credere all’uomo che il padre sia lui.

Ma l’imprenditore ormai non si fida più, vuole vederci chiaro sino in fondo e va avanti per la sua strada. Una volta che la vicenda arriva in aula di tribunale a Lucca, il giudice fa eseguire una perizia tecnica e un terzo e definitivo test di paternità, che ribadisce l’esito degli altri due, fugando via ogni residuo dubbio rimasto. Da qua la sentenza di primo grado, che sancisce come il bambino non sia figlio dell’imprenditore.

La donna non demorde, fa appello e pochi giorni fa ecco arrivare il verdetto di secondo grado emesso dalla corte di Firenze, con la quale i giudici fiorentini confermano quanto già contenuto nel dispositivo di primo grado. La madre del bambino dovrà pagare adesso circa 4 mila euro di spese processuali.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Arezzo, sbaglia nipote all’asilo: nonno va via con la bambina “sbagliata”

Bolzano, festa Italia-Austria degenera: lancio oggetti contro la polizia – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com