Home » Covid, 4 donne incinte morte in una settimana: non erano vaccinate. La terribile strage in Mississippi
Cronaca World

Covid, 4 donne incinte morte in una settimana: non erano vaccinate. La terribile strage in Mississippi

Covid, 4 donne incinte morte in una settimana: non erano vaccinate. La terribile strage in Mississippi. I medici dello stato meno vaccinato degli Stati Uniti hanno condiviso la loro preoccupazione dopo che una terribile strage ha colpito i cittadini del Mississippi. Qui ben quattro donne incinte non vaccinate sono morte a causa del virus in una settimana.

Solo il 38% dei tre milioni di persone che vivono nel Mississippi è ora completamente vaccinato, molto al di sotto della media nazionale del 52,7%. E ora medici e infermieri che combattono il virus in Mississippi hanno condiviso storie strazianti dal fronte, nel tentativo di far luce sui pericoli della propaganda no vax e per cercare di incoraggiare gli indecisi.

Secondo il dott. Thomas Dobbs, ufficiale sanitario dello stato, tre di queste donne hanno subito un taglio cesareo d’urgenza per cercare di salvare i loro bambini, nati gravemente prematuri. Il dottor Dobbs ha dichiarato: “Questa è la realtà che stiamo vivendo”. Nel frattempo, l’unico centro di cura dello stato – l’Università del Mississippi Medical Center (UMMC) a Jackson – è stato inondato di pazienti, con il personale che afferma di avere a che fare con un “regime” di malati gravi di COVID.

Covid, 4 donne incinte morte in una settimana in Mississippi

Come riporta il Daily Mail, il vicepresidente esecutivo del dipartimento di emergenza, la dott.ssa Risa Moriarty, ha affermato che i visitatori che vengono in ospedale stanno ancora cercando di entrare senza mascherine. Ha detto che molti sono pentiti di non essersi vaccinati, anche se altri continuano ancora a condividere teorie cospirative su Covid.

Moriarty ha detto: “Non ha senso continuare a parlarne e dire loro: ‘Avresti dovuto fare il vaccino, non saresti qui’. Non lo facciamo. Cerchiamo di non dare loro lezioni. Alcuni sono così gravi che riescono a malapena a parlarci».

Ma gli operatori ormai sono “arrabbiati ed esausti” per l’ultima ondata che ha visto una media di quasi 2.750 nuove infezioni diagnosticate ogni giorno nell’ultima settimana. “La maggior parte di noi ha ancora abbastanza riserva emotiva per essere compassionevole, ma alla fine della giornata lasci il lavoro esausto per lo sforzo. Il tutto per persone che non si prendono cura di loro stesse e dei propri cari”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Chiara muore a 25 anni dopo un forte mal di testa: giallo sulla causa del decesso

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com