Home » Stefania Sandrelli: “Scandalo con Gino Paoli? Affrontato con serenità. Scelsi il cognome per un motivo preciso”
Gossip

Stefania Sandrelli: “Scandalo con Gino Paoli? Affrontato con serenità. Scelsi il cognome per un motivo preciso”

Stefania Sandrelli: “Scandalo con Gino Paoli? Affrontato con serenità. Scelsi il cognome per un motivo preciso”. L’attrice riavvolge il nastro della sua vita e racconta di come ha vissuto la gravidanza con un uomo sposato (Gino Paoli) nel 1964, in una intervista a ‘Il Corriere della Sera’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

[…] coraggio che a Stefania non è mai mancato.
«Certo, perché sono nata e cresciuta in una tribù, una famiglia piena di maschi, ho imparato da loro. E quando sono rimasta incinta di Amanda, da un uomo sposato (Gino Paoli ndr), ho affrontato serenamente lo scandalo: stiamo parlando del 1964».

Per questo decise di darle poi il suo cognome?
«No, per un altro motivo. Il nome di nostra figlia lo aveva scelto Gino e non ero d’accordo, perché una mia compagna molto violenta con me si chiamava proprio Amanda: tutte le volte che aspettavamo l’autobus insieme per andare a scuola, mi prendeva a cartellate in testa, mi rintontiva! All’inizio subivo, ma poi mi ribellai, gliene ho date altrettante e si è tolta il vizio. Comunque, tornando al nome, venni convinta da Gino: Amanda suonava come il gerundio di amare, era bello. Siccome però aveva deciso lui il nome, io decisi il cognome Sandrelli, punto e basta».

Stefania Sandrelli: “Scandalo con Gino Paoli? Affrontato con serenità”

Riguardo alle rivendicazioni, lei si è mai sentita discriminata sul set?
«No, perché ho sempre avuto un caratterino ribelle. Per esempio con Pietro Germi, che mi ha trasmesso le basi fondamentali del mestiere, a volte ci scontravamo. Quando lui urlava durante le riprese io gli rispondevo strafottente: ahò! io faccio quello che posso, strilla di meno e fammi capire di più… e lui si calmava».

Si è mai pentita dello scandalo suscitato da «La chiave» di Tinto Brass?
«Mai! È stato un film femminista, dove io mettevo alla berlina il porco inverecondo guardone».

È vero che da ragazzina voleva farsi suora?
«Per carità! Andavo a scuola delle suore e mi trovavo bene. Poi mi piacevano le ostie: facevo la comunione solo per il gusto di sentirle in bocca. Avevo una idea personale della religione e una volta, in classe, feci una domanda a suor Valentina: esistono tante diverse religioni, perché solo la nostra è quella vera? Lei mi intimò imbarazzata: Sandrelli, siediti».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Stefania Sandrelli: “Belmondo? Quando mi baciava non capivo più nulla. Gino Paoli reagiva così…”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com