Home » Immunità da Covid, scoperta la combinazione che mantiene ‘allenato’ il sistema immunitario
Salute

Immunità da Covid, scoperta la combinazione che mantiene ‘allenato’ il sistema immunitario

Immunità da Covid, scoperta la combinazione che mantiene ‘allenato’ il sistema immunitario. Un nuovo studio sul Covid realizzato dalla Rockefeller University ha dimostrato che i pazienti guariti dal virus che hanno ricevuto una doppia dose di vaccino, hanno il sistema immunitario particolarmente “allenato” a rispondere ai futuri attacchi delle nuove varianti del Covid.

I ricercatori, come spiega un articolo pubblicato dal Daily Mail, parlano di “immunità ibrida”. Il sistema immunitario di questi pazienti può produrre molti anticorpi in grado di rispondere a diverse varianti, come documentato in più studi negli ultimi mesi.

In uno studio, i pazienti con questa “immunità ibrida” hanno dimostrato la capacità di rispondere alle attuali varianti preoccupanti, ai coronavirus non umani e potenzialmente anche alle nuove varianti che non esistono ancora.

Su circa 173 milioni di americani completamente vaccinati entro la fine di agosto, solo 10.500 persone sono state ricoverate in ospedale in gravi condizioni. E solo 2.000 sono morte di Covid. Gli scienziati stanno studiando questi pazienti per comprendere meglio l’immunità Covid e l’immunità contro altri virus. I vaccini Pfizer e Moderna sono entrambi una valida protezione contro il Covid.

Questi vaccini funzionano portando al sistema immunitario un pezzo di materiale genetico del coronavirus – un pezzo di mRNA – che insegna al sistema immunitario a riconoscere e combattere il virus in caso di infezione.

Le persone guarite dal Covid sono anche protette da altri coronavirus, poiché il loro sistema immunitario ricorda come combattere questo invasore. Questo vale per la vaccinazione mRNA e con un’infezione pregressa. Una combinazione grazie alla quale i pazienti possono diventare super-protetti contro il Covid.

Immunità da Covid, scoperta su vaccino più guarigione

Ne ha parlato Theodora Hatziioannou, virologa della Rockefeller University che ha studiato questi pazienti, a NPR. “Quelle persone hanno risposte sorprendenti al vaccino. Gli anticorpi nel sangue di queste persone possono persino neutralizzare il SARS-CoV-1, il primo coronavirus, emerso 20 anni fa. Quel virus è molto, molto diverso da SARS-CoV-2”, ha detto Hatziioannou.

A confermarlo un articolo dell’immunologo Shane Crotty datato giugno 2021 apparso sulla rivista Science. “L’immunità naturale’ da una precedente infezione funziona in modo diverso dall’immunità dalla vaccinazione. Nell’immunità naturale, il sistema immunitario costruirà diverse salvaguardie contro la futura invasione del coronavirus. Ciò include le cellule B e le cellule T, che ricordano entrambe l’aspetto del virus e possono stimolare la produzione di anticorpi in caso di un’altra infezione”.

In genere, l’immunità naturale durerà da sette a otto mesi, secondo gli studi. Dopo circa un anno, il sistema immunitario manterrà ancora un po’ di memoria ma potrebbe essere più vulnerabile alle varianti. Se qualcuno con un’immunità naturale viene vaccinato, tuttavia, la vaccinazione aumenta la memoria del suo sistema immunitario del coronavirus.

“Il sistema immunitario tratta qualsiasi nuova esposizione, che si tratti di infezione o vaccinazione, con un’analisi della minaccia costi-benefici per l’ampiezza della memoria immunologica da generare e mantenere”, spiega Crotty.

Di conseguenza, quando una persona viene vaccinata dopo il recupero da Covid, il vaccino funge da segnale al sistema immunitario che questo virus è un problema serio e il sistema immunitario dovrebbe dedicare ancora più risorse alla protezione contro di esso.

Seguici anche su Facebook

Leggi anche:
Protezione immunitaria da vaccino, calcolato calo è durata: lo studio

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com