Home » Gene Gnocchi: “Politica? Un aspetto mi lascia allibito. Terrorizzato dal Covid si è portato via 4 persone care”
Gossip

Gene Gnocchi: “Politica? Un aspetto mi lascia allibito. Terrorizzato dal Covid si è portato via 4 persone care”

Gene Gnocchi: “Politica? Un aspetto mi lascia allibito. Terrorizzato dal Covid si è portato via 4 persone care”. Il comico si racconta tra passato e presente ripercorrendo le tappe più significative della sua carriera in una intervista a ‘Il Giornale’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Quando ha deciso di entrare nel mondo dello spettacolo?
“Facevo un po’ di attività amatoriale col gruppo rock-demenziale Desmodromici con mio fratello Charlie e altri musicisti partecipavamo ad alcune feste dell’Unità. Durante queste serate ho capito che la gente si divertiva con i nostri monologhi. Poi, spinto da un mio amico e socio dello studio legale, ho fatto un provino allo Zelig ed è andato bene. Praticamente non ho fatto tanta gavetta, Zuzzurro e Gaspare mi hanno scelto subito per fare Emilio. Stiamo parlando del 1988, sono 34 anni di carriera”.

Cosa spinge un avvocato a diventare un comico?
“In realtà, a me piaceva fare l’avvocato, ma farlo in una piccola cittadina è un lavoro molto routinario. C’è qualche recupero crediti, qualche separazione o sfratto esecutivo e, quindi, non c’è il grande penale o il grande civile. Diventava tutto quasi un lavoro impiegatizio e visto che si era aperta questa strada ho detto: ‘proviamo’ e, fortunatamente, è andata bene”.

[…] Si è trovato meglio a lavorare in Rai o a Mediaset?
“Mi sono trovato benissimo in Mediaset dove ho iniziato con Emilio, poi ho condotto Mai dire gol, Vicini di casa, Il gioco dei nove e Striscia la notizia. Praticamente ho fatto tutto. Poi, in Rai ho fatto la Domenica sportiva e Quelli che il calcio e mi sono trovato altrettanto bene perché avevo dei patner eccezionali come Simona Ventura, Maurizio Crozza e Massimo Caputi”.

Gene Gnocchi: “Politica? Un aspetto mi lascia allibito”

Quanto è cambiata la televisione rispetto a quando lei ha iniziato?
“È cambiata tantissimo perché prima, se un progetto faceva fatica, ci si credeva e si teneva. Parlo per esempio delle Iene che all’inizio non andava bene oppure di Mai dire gol che all’inizio andava così così e, poi, è esploso perché la proprietà ci ha creduto. Adesso, invece, se i programmi non vanno bene, dopo una puntata li tolgono. Prima, poi, erano programmi scritti, mentre ora ci sono quasi esclusivamente reality dove la scrittura è troppo poca. Sono dei format dove si cercando di assemblare figure che si spera diventino personaggi. Non c’è meno professionalità, ma molta meno voglia di rischiare qualcosa”.

Oggi è più difficile o più facile fare satira politica rispetto agli anni ’90?
“È diventato più difficile perché ultimamente il politicamente corretto è diventato una iattura per cui devi stare attento a qualsiasi cosa dici. È diventato più difficile anche perché oggi il politico ha molta più visibilità di un tempo. Prima lo vedevi nelle tribune politiche di Jader Iacobelli e l’idea di poterlo caricaturizzarlo diventava un elemento importante. Adesso il politico è in televisione tutto il giorno e diventa una macchietta perché, avendolo visto così tanto, non è più lui. È una caricatura che è difficilissimo da riprodurre e anche per questo a me la satira politica non interessa tanto”.

[…] Come giudica l’attuale stato di salute della sinistra italiana?
“Vengo da una famiglia di sinistra. Mio padre era sindacalista, segretario generale della Camera del Lavoro della Cgil a Parma e ha fatto tutte le grandi lotte per i rinnovi dei contratti con le grandi aziende della zona. All’epoca c’era un’attenzione nei confronti del mondo del lavoro che adesso non ritrovo più. C’è una mancanza di rapporto con le fasce più deboli che mi ha lasciato prima perplesso e, poi, allibito”.

Gene Gnocchi: “Politica? Ho più fiducia in Draghi che in Conte”

Che voto darebbe al governo Draghi?
“Sta facendo quel che si ci aspetta che faccia e credo che si stia muovendo bene. Io ho fiducia. Ho più fiducia in Draghi che in Conte”.

E il centrodestra come lo vede? Era meglio Berlusconi oppure è meglio il duo Salvini-Meloni?
“Secondo me, dal punto di vista di un antagonista, era meglio Berlusconi perché sapevi chi era e qual era la sua storia. Salvini e la Meloni, invece, fanno a gare per lisciare il pelo a delle frange che non sa neanche cosa sia un vaccino. Non capisco perché fare delle questioni su un vaccino che, fortunatamente, abbiamo avuto in tempi record. Molto meglio Berlusconi”.

A tal proposito, ha avuto paura del Covid?
“Io ho perso quattro amici carissimi per colpa del Covid. Avevo una paura fottuta perché erano persone che giocavano a calcio con me e li sentivo tutte le settimane. Amici più o meno tutti della mia età che si sono ammalate e che, improvvisamente, se ne sono andate. Non avevo paura, avevo terrore del Covid”.

Seguici anche su Facebook

Leggi anche:
Fabio Testi: “Fidanzata sessuologa 35enne? Ecco come stanno veramente le cose. Ho sempre avuto una regola”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com