Home » Rocco Hunt: “Green pass? Ormai discorso politico. Pago le tasse e mi pongo una domanda sullo Stato”
Spettacolo

Rocco Hunt: “Green pass? Ormai discorso politico. Pago le tasse e mi pongo una domanda sullo Stato”

Rocco Hunt: “Green pass? Ormai discorso politico. Pago le tasse e mi pongo una domanda sullo Stato”. Il cantante campano parla a tutto tondo toccando anche un tema molto in una intervista a FqMagazine de ‘Il Fatto quotidiano’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Qual è stata la tua rivoluzione?
“Parlo di una rivoluzione mia personale e non incito a nessuna rivoluzione fisica. La mia rivoluzione nasce dai miei sacrifici e da quelli della mia famiglia. Questo disco è quello che ho passato dall’ultimo album ad adesso e ci sono tutte le sfaccettature di me a partire dal rap al pop al reggaeton e alla bachata. Ora è arrivato il momento di tornare alle mie radici e a chi sono veramente. Le cicatrici rappresentate sulla cover del disco rappresentano un po’ il mio trascorso e le mie radici che sono rimaste aperte a rappresentare il passato senza mai rinnegare il presente”.

[…] Cosa ne pensi di chi protesta contro i Green Pass?
“Ogni persona credo che abba il diritto di protestare e credere nelle proprie idee e opinioni. Nel nostro Paese ognuno ha i propri valori. Io ho il Green Pass quindi ho poco da protestare, sono stato ‘costretto’ ma ormai si tratta di quello, a prescindere dal discorso sanitario ormai è un discorso quasi politico”.

Rocco Hunt: “Green pass? Settore spettacolo ultimo a ripartire, perché?”

Perché politico?
“Sono andato in Spagna tre volte e mi hanno chiesto solo una volta il Green Pass. Eppure la curva italiana dell’epidemia va di pari passo con gli altri Paesi, non è che siamo del tutto salvi. Ribadisco è tutto un discorso politico. Ci siamo chiusi in casa, abbiamo lavato spesso le mani, abbiamo messo le mascherine, abbiamo usato il gel… Però fateci tornare a fare i concerti.

Qui non si parla di come mettere mille persone in un club ad ascoltare la musica quando poi vai nei locali e nelle discoteche dove ci sono cinquemila persone ammassate oppure fuori dai bar diecimila persone a bere drink senza distanziamento. C’è ipocrisia. Mi sembra ridicolo vedere migliaia di persone ammassate che entrano ed escono dallo stadio mentre non riusciamo ad organizzare un concerto con 2-3mila persone al chiuso.

Il nostro è l’ultimo settore a dover ripartire e per questo sono arrabbiato, sono due anni che aspetto di fare il tour. Per carità io non mi lamento, sono fortunato e mi è andato tutto bene, il problema è dei lavoratori dello spettacolo che non possono tornare al lavoro. Ho rimandato diverse volte il tour, dovrebbe ripartire a marzo 2022″.

Rocco Hunt: “Green pass? Ormai discorso politico”

Il settore dello Spettacolo è dimenticato?
“Io dico una cosa, allo Stato verso contributi anche in maniera importante a fine anno ma mi chiedo perché lo Stato non è il mio socio anche nelle difficoltà? Adesso è arrivato il momento di dover ripartire. Io rispetto le regole ma non giudico chi protesta in piazza perché avranno loro motivi per protestare”.

In “Vada come vada” canti: “Non ho tradito mai un fratello ho fatto solo i soldi per fuggire lontano dai guai”. Hai perso qualche amico?
“Uno dei miei grandi successi personali è che ho ancora attorno a me gli amici di dieci anni fa e condivido i miei successi con loro. Non ho mai tradito un fratello. Ho fatto delle scelte come quello di fare un genere per tutti e allargare le mie vedute. È stata una esigenza personale perché a prescindere dalla passione della musica non potevo perdere ulteriore tempo. Vengo da una famiglia umile e se non avessi sbloccato la mia vita in un momento preciso non lo avrebbe fatto nessuno. Le scelte commerciali le ho fatte per motivi personali, bisognava portare i risultati a casa”.

Andrai a Sanremo?
“Amadeus lo stimo moltissimo e mi è spiaciuto non aver potuto conciliare la mia esigenza con la sua conduzione. Sono stato ospite diverse volte da lui e merita tutto il successo che ha avuto. Quest’anno Sanremo non rientra nei miei progetti, mi ha dato molto ma come diceva Califano ‘non escludo il ritorno’”.

Seguici anche su Facebook

Leggi anche:
Alessandra Mastronardi: “Carla Fracci? Sul set mi aveva fatto una richiesta. In comune abbiamo un aspetto”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com