Home » Il gesto al volante che diffonde germi a raffica: quando le soste nel traffico diventano ‘pericolose’
Salute

Il gesto al volante che diffonde germi a raffica: quando le soste nel traffico diventano ‘pericolose’

Il gesto al volante che diffonde germi a raffica: quando le soste nel traffico diventano ‘pericolose’. Se ci ha insegnato qualcosa la pandemia, questa è sicuramente la percezione di esser potenzialmente diffusori, o destinatari, di germi. Ad esempio, evitare di toccarsi il viso, può risultare determinante per la diffusione del Covid.

Eppure sembra che molti proprio non riescono a resistere, in particolare mentre sono in auto. Una nuova ricerca ha rivelato che gli automobilisti si prendono, si strofinano e si grattano il viso 26 volte all’ora in media. In modo preoccupante, i ricercatori dell’Università di Nottingham affermano che il comportamento potrebbe portare alla diffusione di germi e infezioni, incluso il Covid-19.

Ne ha parlato il dottor David R Large, coautore dello studio. “Toccarsi il viso è un rischio di trasmissione per il conducente, in particolare se il veicolo è condiviso o occupato da più parti e dove l’igiene delle mani è scarsa. Grattandosi il naso o sfregandosi gli occhi, ad esempio, il conducente può inavvertitamente trasferire virus o un’altra sostanza estranea pericolosa, acquisita da un controllo o da una superficie contaminata del veicolo durante la guida, o prima di entrare nel veicolo”.

Nello studio, riportato dal Daily Mail, il team ha analizzato 31 ore di filmati di guida di 36 automobilisti e ha scoperto che si toccavano il viso in media 26,4 volte all’ora, con una durata di quasi quattro secondi per tocco. Il viso stesso è stato maggiormente toccato (79,6%), seguito dai capelli (10%), collo (8,6%) e spalle (1,7%).

Toccarsi il viso: il gesto al volante che diffonde germi e virus

Sul viso, il 42,5% dei tocchi riguardava l’interno delle labbra, delle narici e degli occhi, con i polpastrelli e i pollici usati più comunemente. Ciò accade soprattutto nelle soste dovute al traffico o altre situazioni. Mentre nei momenti di guida le percentuali si abbassano decisamente.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che toccarsi il viso può aumentare il rischio di diffusione di germi e infezioni, compreso il Covid-19. L’Associazione per i professionisti del controllo delle infezioni e dell’epidemiologia ha spiegato: “Le infezioni respiratorie, come la polmonite, l’influenza o il COVID-19, possono diffondersi attraverso le goccioline nell’aria quando una persona malata tossisce, starnutisce o parla vicino a te”.

I ricercatori sperano che i risultati possano aiutare nello sviluppo di più interfacce touchless all’interno delle auto. “Il conducente potrebbe essere avvisato se il sistema rileva un comportamento insolito come il contatto con il viso. O magari ricevere un avviso preventivo”, suggerisce Finian Ralph, coautore dello studio.

Seguici anche su Facebook

Leggi anche:
Covid, in Giappone è sparita la variante Delta: si è auto distrutta

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com