Home » “Manichini offendono Islam”: negozio costretto a decapitarli tutti – VIDEO
News World

“Manichini offendono Islam”: negozio costretto a decapitarli tutti – VIDEO

“Manichini offendono Islam”: negozio costretto a decapitarli tutti. È successo in Afghanistan, dove il proprietario di un negozio è stato costretto dai talebani a decapitare uno ad uno tutti i suoi manichini. Il motivo? Offendono la rigida interpretazione dell’Islam.

L’episodio è stato immortalati in un video condiviso su Twitter. Le immagini mostrano un uomo che usa un seghetto per rimuovere la testa di un manichino mentre qualcuno canta “Allah Akbar” – che significa “Dio è grande” in arabo. Ai suoi piedi si possono vedere almeno dieci teste di manichino già mozzate.

La scorsa settimana, ai negozianti della provincia occidentale di Herat è stato detto di tagliare la testa ai loro manichini dopo che i funzionari islamisti avevano stabilito che le statue erano “idoli”. L’idolatria, o adorazione degli idoli, è considerata un peccato grave nell’Islam che vieta il culto di qualsiasi cosa diversa da Allah – considerato l’unico Dio.

La sentenza è stata emessa dal Ministero per la Propagazione della Virtù e la Prevenzione del Vizio di Herat, che ha il compito di amministrare la rigida interpretazione dell’Islam da parte dei talebani.

Inizialmente, il ministero aveva ordinato ai negozi di rimuovere completamente i manichini, ma i negozianti si sono lamentati, dicendo che avrebbero distrutto quel poco di affari che restano. Ma dopo aver ascoltato le lamentele, lo sceicco Aziz-u-Rahman – capo del ministero – ha stabilito che le teste dei manichini devono essere invece tagliate.

“Manichini offendono Islam”: talebani ordinano decapitazione

Ma gli imprenditori dicono che l’hacking dei loro manichini a parte rappresenta ancora una significativa perdita finanziaria in un momento in cui l’economia dell’Afghanistan è quasi crollata. Abdul Wadood Faiz Zada ​​ha dichiarato a ‘La Repubblica’: “Le teste dei manichini dovrebbero essere coperte, non rimosse. Ogni manichino costa dai 70 ai 100 dollari e la loro decapitazione sarà un’enorme perdita finanziaria”.

Mohammad Yusuf ha aggiunto: ”I talebani non sono cambiati, ci saranno di nuovo restrizioni. Non hanno ottenuto il riconoscimento internazionale, ma se lo ottenessero, riporterebbero limitazioni ancora più severe”.

Da quando hanno riconquistato l’Afghanistan durante l’estate con una rapida avanzata alle spalle del ritiro delle truppe americane, i talebani hanno lentamente limitato le libertà della loro popolazione, nonostante le promesse di ‘innovazione’. Donne e ragazze sono state immediatamente confinate nelle loro case per “sicurezza”, con i talebani che le hanno rimosse con la forza dai luoghi di lavoro e dalle scuole.

Nelle ultime settimane, gli islamisti hanno anche vietato alle donne di fare viaggi su strada a lunga distanza senza un tutore maschio. Inoltre, hanno imposto loro di indossare il velo mentre sono in auti.

Allo stesso tempo, hanno vietato tutta la musica nei veicoli e vietato le sostanze “intossicanti”. I conducenti dovrebbero anche fermare i loro veicoli nei momenti di preghiera in un “luogo appropriato”.

L’Afghanistan, sostenuto per due decenni dai fondi di sostegno delle nazioni occidentali e dal denaro per gli aiuti, è quasi crollato da quando i talebani hanno ripreso il controllo.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Il telegiornale surreale in Afghanistan: giornalista circondato da talebani armati – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com