Home » Hunter Schafer: “Make-up? Da piccola avevo un timore. Invece adesso, quando mi trucco, lo faccio per un motivo”
Gossip

Hunter Schafer: “Make-up? Da piccola avevo un timore. Invece adesso, quando mi trucco, lo faccio per un motivo”

Hunter Schafer: “Make-up? Da piccola avevo un timore. Invece adesso, quando mi trucco, lo faccio per un motivo”. Hunter Schafer e il make-up, la 23enne top model statunitense e attrice rivelazione della serie tv Euphoria ha raccontato dei suoi must beauty in una intervista a ‘Vanity Fair’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Qual è il concetto di bellezza che rappresenta?
«Desidero enfatizzare il messaggio che ognuno deve sentirsi e mostrarsi per come è davvero dentro. L’obiettivo finale è che coincidano e si sovrappongano queste due sensazioni. Il make-up, per esempio, permette di raggiungere questo equilibrio tra quello che sei dentro di te e ciò che mostri fuori. È un concetto abbastanza semplice, ma essere quello che davvero vuoi è ciò che conta».

Come si è evoluto il suo rapporto con la bellezza, crescendo?
«È diventato decisamente più disinvolto. Quando ero più piccola, mi preoccupavo maggiormente di dover apparire carina o cercare di essere qualcuno. Invece adesso, quando mi trucco, lo faccio per raccontare qualcosa di me al mondo esterno».

In che modo pensa che la bellezza si stia evolvendo e ridefinendo?
«Posso solo esprimere quello che è il mio punto di vista, ma da ciò che ho visto nel mondo beauty, credo che stiamo vivendo una grande evoluzione verso qualcosa di più artistico e di non binario. Credo che questo sia importante, perché il make-up è per chiunque lo voglia indossare. È uno strumento emozionante. Esiste una maggiore comprensione dell’universalità che può essere legata al make-up».

Hunter Schafer: “Make-up? Quel che conta di più è che mi faccia sentire bene”

Ha un’icona che rappresenta il suo concetto di bellezza?
«Molte volte guardo ai musicisti per come si esprimono. E poi adoro Tilda Swinton, amo il suo make-up e come mostra se stessa e la sua anima».

Qual è la sua «divisa» nel make-up?
«Dipende dalla giornata ma di solito amo decorazioni intorno agli occhi o con semplici linee, uso Kajal Inkartist di Shiseido per creare forme e microlinee, o con piccole illustrazioni. Poi aggiungo ombretti iperpigmentati come quelli di Shiseido che sono perfetti per sperimentare con colori e texture. È il mio trucco per sentire che esprimo me stessa».

È brava a creare il suo make-up?
«Mi preoccupa meno l’essere brava perché quel che conta di più è che mi faccia sentire bene. Non mi occupo sempre io del mio trucco, perché per lavoro ho molti make-up artist intorno a me che mi aiutano, però se devo fare da me credo di fare un buon lavoro».

[…] Che cosa la fa sentire in connessione con una persona?
«Essere presente nel momento, ma dipende anche da chi ti sta intorno, deve essere una sensazione reciproca. Quando succede è magico, sia che si ascolti musica insieme o si parli, esserci e condividere è ciò che per me conta di più».

C’è qualcosa di cui non può fare a meno?
«La crema idratante, senza, la mia pelle non sarebbe a posto, perché è secca, soprattutto in questo periodo, a New York c’è tanto freddo».

Hunter Schafer: “Make-up? Da piccola avevo un timore”

Qual è la sua relazione con il sole?
«Adoro stare al sole, vi trascorro una mezz’ora al giorno per sentirmi bene, è fondamentale per il mio benessere, mi dà vitamina D, stimola le endorfine e la seratonina, ma sto molto attenta con la protezione per evitare i rischi da raggi UV, per cui al sole non mi espongo mai senza una crema solare con SPF 50». 

[…] La visione della bellezza secondo Shiseido è come una forza che aiuta a portare cambiamenti nel mondo, la condivide?
«È uno dei motivi che mi ha convinto a essere con Shiseido, ammiro l’impegno del brand alla sostenibilità, è una cosa su cui sta lavorando attivamente per la produzione di cosmetici che non danneggino l’ambiente. Per me è molto importante che sia uno dei valori centrali della maison».

Ha dei consigli beauty che vuole condividere e diffondere?
«Di recente ho finalmente iniziato a dormire meglio, ho sempre avuto problemi di sonno, la riconquista del riposo notturno ha cambiato la mia vita e il modo in cui mi relaziono al mondo. Ora dormo in modo più regolare e raccomando a tutti di dare valore al sonno, non solo per mantenere felice il proprio cervello ma anche per preservare la propria bellezza».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Tommaso Zorzi: “Su Drag queen troppi pregiudizi. Flirt con Meloni? Vi spiego. E sul futuro…”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com