Home » Uova artificiali, creati in laboratorio albumi eco sostenibili e vegani
Ambiente Salute Tecnologia

Uova artificiali, creati in laboratorio albumi eco sostenibili e vegani

Uova artificiali, creati in laboratorio albumi eco sostenibili e vegani. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Helsinki insieme al Centro di ricerca tecnica VTT della Finlandia, hanno creato in laboratorio le uova artificiali. Il bianco d’uovo vegano ed ecologico è stato realizzato utilizzando funghi e potrebbero fornire un’alternativa all’allevamento intensivo di polli.

L’ovoalbumina, la proteina principale nell’albume, a partire dal Trichoderma reesei, è una specie di fungo noto per degradare gli indumenti. Riprodotta eticamente utilizzando T. reesei – chiamata ‘Tr-OVA’ – l’ovoalbumina potrebbe diventare un sostituto sostenibile della polvere proteica contenuta dell’albume d’uovo di gallina, un ingrediente ampiamente utilizzato nell’industria alimentare.

I ricercatori hanno scoperto che Tr-OVA ha ridotto i requisiti di utilizzo del suolo di quasi il 90% e i gas serra fino al 55%, rispetto alla produzione di uova di gallina. Attualmente, una delle alternative vegane più utilizzate all’albume a casa e nei ristoranti è l’aquafaba, il liquido avanzato dai ceci cotti.

Tuttavia, l’aquafaba deve essere montata velocemente per oltre 20 minuti per ottenere picchi soffici, mentre questo nuovo sostituto mantiene la sua forma e “ha eccellenti proprietà schiumose”.

“L’ovoalbumina prodotta utilizzando il fungo Trichoderma reesei (Tr-OVA) potrebbe diventare un sostituto sostenibile della polvere proteica dell’albume d’uovo di gallina. Sebbene l’approccio possa generare ovoalbumina su scala pilota, gli impatti ambientali della produzione su scala industriale non sono stati esplorati”, si legge nell’articolo che descrive lo studio.

Per produrre Tr-OVA, i ricercatori hanno iniziato identificando il codice genetico dell’ovoalbumina, che rappresenta circa il 54% delle proteine ​​totali dell’albume d’uovo, meglio noto come albume d’uovo. Il gene dell’ovoalbumina è stato inserito con moderni strumenti biotecnologici nel fungo, che ha prodotto la stessa proteina prodotta dai polli.

La proteina dell’ovoalbumina è stata quindi separata dalle cellule, concentrata ed essiccata per creare il prodotto finale. I ricercatori hanno anche confrontato l’impatto della produzione di Tr-OVA con un’unità equivalente di vera proteina essiccata dell’albume d’uovo di gallina prodotta in Finlandia, Germania e Polonia.

Uova artificiali creati in laboratorio: lo studio

La produzione di Tr-OVA ha ridotto la maggior parte degli impatti associati all’agricoltura, come il riscaldamento globale e l’uso del suolo, riferisce il team. L’ovoalbumina prodotta dal fungo ha ridotto i requisiti di utilizzo del suolo di quasi il 90% e i gas serra del 31-55% rispetto alla produzione della sua controparte a base di pollo.

“In futuro, quando la produzione si baserà su energia a basse emissioni di carbonio, la fermentazione di precisione ha il potenziale per ridurre l’impatto anche fino al 72 per cento”, ha affermato Natasha Järviö dell’Università di Helsinki..

I prodotti in coltura cellulare necessitano generalmente di più energia elettrica rispetto ai prodotti tipici dell’agricoltura, quindi il tipo di fonte energetica utilizzata incide sul livello di impatto ambientale.

Tuttavia, la quantità di input agricoli necessari per la produzione di ovoalbumina da parte dei microbi, come il glucosio, è generalmente inferiore per chilogrammo di proteine ​​in polvere.

Parti della catena di produzione dell’albume in polvere, come l’allevamento di polli per la produzione di uova, generano grandi quantità di emissioni di gas serra e contribuiscono alla scarsità d’acqua, alla perdita di biodiversità e alla deforestazione.

Nel 2020, il consumo globale di proteine dell’uovo è stato di circa 1,6 milioni di tonnellate e si prevede che questo aumenterà nei prossimi anni, aggravando la questione. Inoltre, l’allevamento intensivo di polli ha provocato focolai di malattie zoonotiche fungendo da importante serbatoio per i patogeni umani.

Nel complesso, questa soluzione basata sulla biotecnologia – disaccoppiare la produzione di proteine animali dall’allevamento utilizzando invece un sistema di produzione microbica – potrebbe avere enormi impatti ambientali.

Trichoderma reesei è già stato utilizzato dagli scienziati per la produzione di calcestruzzo autorigenerante, enzimi industriali e la creazione di jeans stonewashed.

Seguici anche su Facebook

Leggi anche:
La Cina ha creato il Sole artificiale: energia pulita illimitata – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com