Home » Disturbi al sistema immunitario, scoperto il vero ‘colpevole’: è un tipo di cibo
Salute

Disturbi al sistema immunitario, scoperto il vero ‘colpevole’: è un tipo di cibo

Disturbi al sistema immunitario, scoperto il vero ‘colpevole’: è un tipo di cibo. I disturbi del sistema immunitario sono in aumento ovunque grazie alla popolarità globale della cosiddetta dieta occidentale. Secondo gli scienziati James Lee e Carola Vineusa del Francis Crick Institute di Londra, le malattie autoimmuni, tra cui il diabete di tipo 1, la sclerosi multipla, l’artrite reumatoide, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa sono aumentate negli ultimi decenni.

Secondo i due scienziati le cause possono essere attribuite alla recente diffusione dei fast food, che non usano alcuni ingredienti importanti. «Il numero di casi autoimmuni ha cominciato ad aumentare circa 40 anni fa in Occidente. Tuttavia, stanno emergendo in paesi che non hanno mai avuto queste malattie prima». Per esempio l’Asia e il Medio Oriente, dove la malattia infiammatoria intestinale ha avuto una crescita incredibile per via del boom dell’industria dei fast food. «Prima di allora avevano appena visto la malattia», ha detto Lee al Guardian’s Observer in una intervista rioresa dal Daily Mail.

Secondo Vineusa non si può fermare la «diffusione globale dei franchising di fast food. Stiamo cercando di capire i meccanismi genetici fondamentali che sono alla base delle malattie autoimmuni e rendono alcune persone suscettibili ma altre no».

Le malattie autoimmuni derivano dall’incapacità del sistema immunitario di differenziare gli organismi invasori dai tessuti locali, spingendo le difese immunitarie ad attaccare anche le cellule sane. L’infiammazione dovuta a una risposta immunitaria ripetuta può causare danni a lungo termine agli organi e ai tessuti colpiti.

«Qualcosa deve essere cambiato nel mondo esterno in modo da aumentare la nostra predisposizione alle malattie autoimmuni».

Il cibo spazzatura dietro i disturbi al sistema immunitario: lo studio

Stando ai dati del National Institutes of Health degli Stati Uniti, attualmente circa 24 milioni di americani – quasi il 7% della popolazione – soffrono di uno di questi disturbi. I loro studi hanno mostrato un aumento della prevalenza dei biomarcatori di malattie autoimmuni nelle persone di età pari o superiore a 12 anni, da 22 milioni di americani tra il 1988 e il 1991, a 41 milioni tra il 2011 e il 2012.

«La genetica umana non è cambiata negli ultimi decenni», ha spiegato Lee. «Quindi qualcosa deve essere cambiato nel mondo esterno in un modo che sta aumentando la nostra predisposizione alle malattie autoimmuni».

«Le diete da fast food mancano di alcuni ingredienti importanti, come le fibre, e le prove suggeriscono che questa alterazione colpisce il microbioma di una persona, la raccolta di microrganismi che abbiamo nel nostro intestino e che svolgono un ruolo chiave nel controllo di varie funzioni corporee. Questi cambiamenti nei nostri microbiomi stanno quindi innescando malattie autoimmuni, di cui sono stati scoperti più di 100 tipi», aggiunge Vineusa.

Per gli scienziati il cibo spazzatura dovrebbe ricevere un allarmante avviso, al pari del fumo. Questi alimenti hanno bisogno di spaventose avvertenze come quelle che campeggiano sui pacchetti di sigarette.

Vineusa ha assicurato che il consumo di fast food non era una garanzia che qualcuno svilupperà queste malattie. «Se non hai una certa suscettibilità genetica, non avrai necessariamente una malattia autoimmune, non importa quanti Big Mac mangi».

Disturbi al sistema immunitario, cibo spazzatura pericoloso come il fumo

Queste malattie enigmatiche sono dettate da varianti genetiche individuali, che gli scienziati sperano di identificare in modo da poter sviluppare terapie più mirate. Per la sola malattia infiammatoria intestinale ci sono «più di 250» varianti conosciute oggi, rispetto a poco meno di una dozzina contate quando Lee e Vineusa hanno iniziato la loro ricerca anni fa.

«Abbiamo molte nuove terapie potenzialmente utili che vengono sviluppate continuamente, ma non sappiamo a quali pazienti somministrarle, perché ora ci rendiamo conto che non sappiamo esattamente quale versione della malattia hanno», spiega ancora Vineusa.

Ci ricordano che attualmente non ci sono cure per queste malattie. «Un numero crescente di persone affronta un intervento chirurgico o dovrà sottoporsi a iniezioni regolari per il resto della vita», ha affermato Lee. «Può essere triste per i pazienti e un enorme sforzo per i servizi sanitari. Da qui l’urgenza di trovare nuove ed efficaci cure».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Tegola per il fast food: il cibo spazzatura aumenta l’asma e le malattie respiratorie

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com