Home » Lorena Cesarini si racconta: “Volevo fare la docente, poi quell’incontro. Sanremo il primo buongiorno dell’anno”
Gossip

Lorena Cesarini si racconta: “Volevo fare la docente, poi quell’incontro. Sanremo il primo buongiorno dell’anno”

Lorena Cesarini si racconta: “Volevo fare la docente, poi quell’incontro. Sanremo il primo buongiorno dell’anno”. L’attrice co-conduttrice della seconda serata del Festival di Sanremo è nata a Dakar in Senegal da mamma africana e papà italiano. È cresciuta a Roma ed è diventata popolare con la serie “Suburra”, nel ruolo di Isabel, la donna che fa innamorare il protagonista Aureliano, interpretato da Alessandro Borghi. Lorena Cesarini si racconta in una intervista a ‘Tv Sorrisi e Canzoni’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Lorena, la sua strada per arrivare al Festival non è stata proprio diretta.
«No. Il mio sogno di bambina era recitare, ma non ho intrapreso gli studi di recitazione perché mi sembrava troppo azzardato: se poi non fossi riuscita a diventare attrice? Allora ho seguito l’altra mia passione che era la storia, mi sono laureata in Storia contemporanea pensando poi di diventare professoressa universitaria oppure di continuare gli studi in Relazioni internazionali. Il mio percorso sarebbe stato quello, nel caso non mi avessero fermato per la strada…».

Lorena Cesarini si racconta: “Volevo fare la docente, poi quell’incontro…”

Cosa che invece è successa.
«Vero (ride). Otto anni fa mi nota per caso la responsabile del casting del film di Diego Bianchi “Arance & martello”. Mi avvicina titubante per non spaventarmi, dandomi il suo biglietto da visita e spiegandomi che stavano cercando una ragazza italiana nera che parlasse romano: io avrei potuto essere perfetta per il ruolo. Mi ha invitato a fare il provino e l’ho superato».

Ed è tornata al suo sogno iniziale di fare l’attrice.
«Sì, sono arrivati altri ruoli in “Il professor Cenerentolo” di Leonardo Pieraccioni, una partecipazione in “I bastardi di Pizzofalcone” e poi il ruolo in “Suburra” che è quello che mi ha dato la notorietà».

E la convocazione per il Festival?
«La telefonata è arrivata la mattina del 1° gennaio. Stavo ancora dormendo, avevo festeggiato il Capodanno con gli amici all’Argentario ed è stato il risveglio più bello che potessi desiderare! Esplodevo di gioia dentro di me ma non potevo far trapelare nulla con gli altri».

La raccomandazione di Amadeus?
«Mi ha detto di essere me stessa, con il mio entusiasmo e la mia energia».

La cosa che la spaventa di più?
«Di sbagliare, di deludere le aspettative di tutti, di Amadeus in particolare. Oddìo, mi viene da piangere solo a pensarci».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com