Home » Pandemia ha aumentato l’invecchiamento: 2 anni di restrizioni ci hanno resi più vecchi. Lo studio
Salute

Pandemia ha aumentato l’invecchiamento: 2 anni di restrizioni ci hanno resi più vecchi. Lo studio

Pandemia ha aumentato l’invecchiamento: 2 anni di restrizioni ci hanno resi più vecchi. Lo studio. Secondo un articolo pubblicato il mese scorso sulla rivista scientifica Nature, la pandemia ha accelerato il processo di invecchiamento. E non solo per i milioni di persone che hanno contratto il virus, ma anche per coloro che sono stati colpiti dallo sconvolgimento e dall’isolamento della vita remota. Alcuni hanno notato pelle rugosa, capelli brizzolati, articolazioni scricchiolanti e problemi psichici.

Ne ha parlato Alicia Arbaje, professore associato presso la Johns Hopkins University School of Medicine. «Alcuni hanno avuto l’impressione di essere gettati fuori rotta. Le molte persone che hanno avuto il Covid-19, dopo la guarigione si sono sentite «più vecchie. È il senso di disconnessione dal tuo scopo: “Perché sono qui?” Una volta che inizi a perdere il contatto con questo, si crea un senso di stress cronico, che può accelerare direttamente l’invecchiamento», ha detto il dottor Arbaje, specializzato in medicina geriatrica

Anche al Johns Hopkins Bayview Medical Center di Baltimora, luogi dove lavora, la dottoressa Arbaje ha notato quello che ha definito uno “stress morale” tra i suoi colleghi e su sé stessa. Si manifesta con aumento di peso, occhiaie, caduta dei capelli, stanchezza profonda.

Pandemia ha aumentato l’invecchiamento: lo studio

«È questa mancanza di luminosità. La piena estensione della loro persona non si vede. Sono stanchi. In parte a causa del mio lavoro di scrittore, che può lasciarmi sedentario anche nei momenti migliori, ho passato quasi due anni seduto curvo alla mia scrivania. A volte accendo il portatile e lo porto sul divano. Anche se mi assillano i pensieri sulla necessità di allenarmi, scopro che non riesco a staccarmi dallo schermo. Il mio mondo si è rimpicciolito nei due anni in cui ho lavorato da casa.

Mi ritrovo ad aspettare con impazienza la posta e “PBS NewsHour”. Il mio maglione preferito, così orgoglioso e fresco nel 2019, è diventato floscio e sfocato. Ora lo chiamo il mio maglione di casa. Non riuscivo a convincermi a unirmi alla mania del Peloton o al boom della corsa e la mia capacità aerobica è diminuita. Mentre trasportavo mio figlio su una collina, ero così senza fiato che ho pensato di andare in ospedale.

Ho descritto la mia routine pandemica a Ken Dychtwald, uno psicologo e gerontologo, dicendo che mi aveva fatto sentire come un sessantenne. Il dottor Dychtwald, che ha 71 anni, non ha accolto con favore questa osservazione. Ci sono molte persone tra i 60, i 70 e gli 80 anni che conducono una vita attiva, mi ha detto, e non hanno permesso alla pandemia di smorzare il loro umore o impedirgli di fare esercizio».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Scoperto il meccanismo chiave dell’invecchiamento: uguale ai tumori per un aspetto

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com