Home » Cosa succede se fumo in gravidanza, scoperta una grave conseguenza per il feto: lo studio
Salute

Cosa succede se fumo in gravidanza, scoperta una grave conseguenza per il feto: lo studio

Cosa succede se fumo in gravidanza, scoperta una grave conseguenza per il feto: lo studio. Secondo uno studio, il fumo da parte delle madri durante il periodo immediatamente prima e dopo il concepimento è legato a un ritardo nello sviluppo embrionale, a feti più piccoli al momento dell’ecografia di 20 settimane e a un peso alla nascita inferiore.

I risultati, pubblicati su Human Reproduction, sono emersi dalle 689 donne con gravidanze singole tra il 2010 e il 2018 coinvolte nella ricerca. Entro la decima settimana di gravidanza, lo sviluppo dell’embrione è stato ritardato di quasi un giorno nelle donne che fumavano dieci o più sigarette al giorno rispetto alle non fumatrici e di 1,6 giorni nelle fumatrici che avevano concepito mediante fecondazione in vitro (IVF) e iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI).

Gli embrioni non erano poi in grado di “recuperare” il loro sviluppo nel corso della gravidanza ed avevano maggiori probabilità di nascere piccoli per l’età gestazionale e con un peso alla nascita mediodi 93 grammi inferiore rispetto ai bambini nati da donne che non fumano.

“Questo è il primo studio ad indagare l’associazione tra il vizio del fumo materno da 14 settimane prima del concepimento fino a 10 settimane dopo il concepimento (periodo periconcezionale) e lo sviluppo degli embrioni osservando la forma esterna ed interna dell’embrione durante le gravidanze in corso”.

Come riporta Agi, i ricercatori hanno utilizzato la realtà virtuale per osservare lo sviluppo degli embrioni e hanno confrontato la morfologia con le fasi stabilite dello sviluppo dell’embrione, note come Carnegie Stages. Ne ha parlato Melek Rousian, ginecologa dell’Erasmus MC, University Medical Center, Rotterdam, Paesi Bassi, che ha condotto lo studio.

Cosa succede se fumo in gravidanza: lo studio che risponde alla domanda

“Uno dei messaggi chiave di questo studio è che il ritardo nello sviluppo embrionale dovuto al fumo delle madri nel periodo periconcezionale è anche associato a misurazioni fetali piu’ piccole all’ecografia a 20 settimane e a un peso alla nascita inferiore. Parte degli esiti fetali e neonatali possono essere spiegati dal fumo durante il periodo periconcezionale e dal ritardo nello sviluppo embrionale.

L’impatto del fumo materno sul ritardo dello sviluppo embrionale sembra avere un effetto maggiore nel secondo trimestre di gravidanza rispetto alla nascita“, ha affermato il dottor Rousian. “Pensiamo che forse ci sia una crescita di recupero durante il secondo e il terzo trimestre, ma il ritardo nello sviluppo morfologico non può  essere completamente recuperato durante il corso della gravidanza, come dimostrano le ecografie a 20 settimane e i pesi alla nascita”.

“I risultati di questo studio sottolineano l’importanza di smettere di fumare prima del concepimento e che gli sforzi per aiutare le donne a smettere di fumare dovrebbero concentrarsi su questa finestra temporale. Se possibile, le donne dovrebbero smettere di fumare fin dal momento in cui pianificano una gravidanza.

Ma è sempre una buona cosa smettere comunque di fumare, in particolare in qualsiasi fase della gravidanza. Il fumo non solo influisce sulla crescita dell’embrione durante la gravidanza e sul peso alla nascita, ma anche sullo sviluppo dell’embrione fin dalle primissime fasi della gravidanza”, ha affermato la ricercatrice.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Gravidanza, masticare un tipo di chewing gum evita parto prematuro: la scoperta

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com