Home » Sanzioni Russia, Putin se la prende con Peppa Pig: la bizzarra decisione sul cartone animato per bimbi
News World

Sanzioni Russia, Putin se la prende con Peppa Pig: la bizzarra decisione sul cartone animato per bimbi

Sanzioni Russia, Putin se la prende con Peppa Pig: la bizzarra decisione sul cartone animato per bimbi. La Russia ha preso la sorprendente decisione di sanzionare l’amato personaggio dei cartoni animati Peppa Pig e Daddy Pig mentre la crisi si aggrava per la guerra di Vladimir Putin in Ucraina.

Un tribunale russo ha stabilito che i marchi delle immagini famose in tutto il mondo possono essere violati senza punizione in Russia, come rappresaglia per le sanzioni britanniche contro Mosca. Entertainment One – la società che detiene i diritti di Peppa Pig – chiedeva circa 40.000 rubli russi per alcune violazioni dei diritti d’autore. Ma la richiesta è stata rigettata dai legislatori russi ribelli.

La sentenza del giudice Andrei Slavinsky in un tribunale arbitrale provinciale a Kirov potrebbe aprire la strada all’abuso di massa dei marchi e dei diritti d’autore occidentali, consentendo alla Russia di violare le leggi sul copyright rifiutando le richieste di violazione.

Il giudice Slavinsky ha affermato che le sanzioni politiche ed economiche “restrittive” dell’Occidente per l’invasione militare dell’Ucraina, hanno consentito al tribunale di rifiutare le richieste di violazione presentate da Entertainment One UK Ltd.

L’uso di invenzioni brevettate, progetti industriali e modelli di utilità di “paesi ostili”, tra cui Stati Uniti e Gran Bretagna, a causa del crollo delle relazioni dopo l’invasione di Putin, sarà ancora consentito in Russia.

Sanzioni Russia, Putin se la prende con Peppa Pig

Nel 2019 la multinazionale statunitense Hasbro ha acquisito la serie TV animata britannica in età prescolare con un accordo da 3,8 miliardi di dollari per Entertainment One. La sentenza del tribunale collega la pretesa di violazione di Peppa Pig e Daddy Pig ad “azioni ostili degli Stati Uniti d’America e dei paesi stranieri affiliati”, secondo i documenti legali del caso Kirov.

Le sanzioni contro la Russia consentono al tribunale di non proteggere i diritti sui marchi della società britannica, ha affermato il giudice. Il sospetto è che il caso sia stato sequestrato dalle autorità di Mosca come arma contro le sanzioni occidentali. Il caso di Entertainment One nella sonnolenta Kirov – 595 miglia a nord-est di Mosca – aveva rivendicato un “abuso di diritto”.

L’oscuro caso è stato intentato contro Ivan Kozhevnikov, un imprenditore, per proteggere i diritti di marchio per i disegni degli amati personaggi dei cartoni animati dei bambini. In udienza, il giudice è apparso ben informato sulle sfumature degli ultimi sviluppi riguardanti le sanzioni imposte dai Paesi occidentali, e non solo, alla Russia.

La società britannica può impugnare la bizzarra sentenza contro la sua richiesta di circa £ 400 a titolo di risarcimento per la copia illegale delle sue immagini. Quando il caso è stato ascoltato, il valore della richiesta era sceso a £ 230 a causa del crollo della valuta del rublo di Putin causato dalla guerra in Ucraina.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Donna uccisa in casa a Lentini: accoltellata alla gola. Il ritrovamento shock del marito

Dramma a Galliate, 15enne sbalzata da una giostra al luna park: è gravissima

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com