Home » Anthony Delon: “Mio padre un rompipa**e. Uno dei drammi della mia vita è stato da bambino”
Gossip

Anthony Delon: “Mio padre un rompipa**e. Uno dei drammi della mia vita è stato da bambino”

Anthony Delon: “Mio padre un rompipa**e. Uno dei drammi della mia vita è stato da bambino”. Anthony Delon sul padre e non solo, l’attore francese 58enne figlio d’arte ha scritto un libro sui genitori dove racconta la sua vita all’ombra di due genitori un pi’ assenti. Ne ha parlato in una intervista a ‘La Stampa’ della quale vi proponiamo alcuni passaggi.

Sua madre è morta poco più di un anno fa, portata via da un cancro in poche settimane. Negli ultimi mesi si erano visti i suoi genitori?
«Certo, il loro rapporto non si era mai spezzato. Io l’ho accompagnata fino all’ultimo, giorno dopo giorno. Abitava in un appartamento di due camere con la vista sulle Tuileries. Papà, che vive tra la sua proprietà in campagna e la Svizzera, veniva a Parigi, dove ha un grosso appartamento. Ma andava a dormire da lei, nella camera prevista per gli amici. Alle sei di mattina s’ infilava nel letto con mamma, al momento in cui lei si addormentava, perché mia madre soffriva d’insonnia. Restava nel dormiveglia e verso le otto, stretta a lei, chiedeva: “Nat, ma dormi?”.

Mia madre rispondeva un po’ risentita: “È ovvio che non dormo”. “Me la fai la spremuta d’arancia?”, le chiedeva. E lei gliela faceva. Se non c’erano le arance, papà osava perfino brontolare, perché è un rompipalle. Mia mamma gli diceva: “Vai a casa tua, se non sei contento”. Insomma, la solita commedia all’italiana. Ma la tenerezza di quelle scene mi ha permesso di ricomporre tante cose».

Ha addirittura realizzato un documentario, è vero?
«Mia madre desiderava che si facessero queste immagini per le mie due figlie. Ho girato gli ultimi suoi 37 giorni. Uscirà a fine anno. Dopo la morte, ho fatto un’intervista a mio padre su di lei. Ha ammesso che avevano due caratteri forti, ma che con mamma si era dovuto piegare. Lui che non si piega mai».

Anthony Delon: “Mio padre un rompipa**e”

Il libro è di una franchezza disarmante, quando racconta certe violenze di Alain Delon nei suoi confronti con una frusta di cuoio. Lei paragona la sua situazione a quella di L’incompreso, di Luigi Comencini
«Perché uno dei drammi della mia vita è stata la solitudine da bambino, come il bambino del film. Da piccolo mio padre aveva vissuto situazioni simili e le ripercuoteva automaticamente su di me. Questo libro è una dichiarazione d’amore nei suoi confronti. Io ho capito tante cose, anche lui deve capirle e lo deve fare ora. Fortunatamente abbiamo preso entrambi molta distanza rispetto alla nostra storia. Sul libro mi ha fatto dei complimenti. E, dopo che ne ho parlato in prime time su France 2, la principale tv pubblica francese, mi ha chiamato e mi ha detto: “Grazie”».

Il libro racconta anche aneddoti divertenti, come al momento del suo battesimo.
«A pranzo i miei genitori, che erano degli inguaribili provocatori, proposero di fare il gioco della torre: chi butti giù tra queste due persone? Era presente anche Visconti. E mia madre chiese a papà: chi butti giù, Georges (Beaume, che era il suo agente ed è stato il mio padrino) o Luchino? Mio padre preferì Georges. E Visconti si alzò di scatto, arrabbiato: chiese di essere subito riaccompagnato in auto a Parigi»

[…] Oggi, dopo vari anni, lei è ritornato a recitare.
«Sì, ho interpretato un prete nella fiction dal titolo Meurtres au Mont-Saint-Michel, trasmessa su France 2. E mi è piaciuto molto. Intanto sono coinvolto in un progetto di serie tv sulla mia storia e quella del clan Delon. È lavorandoci che ho avuto l’idea di scrivere il libro. E questo mi ha aiutato a capire tante cose su di me. I diritti della serie sono già stati acquisiti da Mediawan. Erano entusiasti, perché, mi hanno detto, “voi Delon siete i nostri Kennedy”».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Nancy Brilli: “Tradimento Fossati? L’abbiamo fatto per due motivi. Nessuna chiamata? In Rai hanno gusti loro”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com